Lega Giovani denuncia aggressione dei manifestanti di sinistra

Contatto ieri pomeriggio in piazza Beccaria tra sostenitori di Salvini e i partecipanti alla manifestazione antimiliarista organizzata in centro


Ieri era l’International Day of Action – No War With Iran!, giornata contro la guerra proclamata dalle organizzazioni antimilitariste e pacifiste statunitensi. A Firenze è stato organizzato un corteo da Piazza della Repubblica per finire sotto il consolato Usa. 

Ma in centro c'erano anche i giovani della Lega Salvini che manifestano con l'iniziativa " Ripuliamo Firenze, Nardella a casa". E si è verificato un contatto con alcuni attivisti di sinistra, che li hanno insultati, chiamandoli fascisti di merda. I fatti si sono svolti a Piazza Beccaria, ed hanno comportato l'intervento di due camionette della polizia. Gli uomini della DIGOS sono stati costretti a spostare la posizione gazebo leghista in un punto più sicuro. I due ragazzi verbalmente aggrediti sono il coordinatore dei giovani Manfredi Ruggiero Segretario della Lega Giovanni e consigliere presso il quartiere 2 di Firenze e la studentessa Glenda Gufoni che addirittura è una minorenne.

" Ancora una volta i nostri militanti vengono molestati da persone incivili e senza alcun senso della legalità . Non posso che ringraziare le forze dell'ordine, anche se ancora una volta rabbrividisco dalla poca cultura democratica che hanno gli estremisti di sinistra in questo paese" dichiara il segretario provinciale della di Firenze Lega Alessandro Scipioni. "Sono immediatamente accorsi con me il capogruppo Federico Bussolin, ed i consiglieri Antonio Montelatici e Emanuele Cocollini per riscontrare, come stessero i nostri ragazzi. Ma questo non è normale in un paese democratico. I violenti debbono essere isolati e puniti. Sappiano comunque questi farabutti e loro intimidazioni non ci fermeranno".

Redazione Nove da Firenze