Ladro di biciclette scoperto a tempo record

Zona piazza Signoria: un 29enne già finito nei guai per reati del genere si era impossessato di due costosi mezzi elettrici ma l'azione congiunta di vigili e carabinieri ha reso felici i proprietari, turisti francesi


Aveva rubato due biciclette a due turisti francesi ma in pochi minuti è stato fermato e denunciato grazie all’intervento di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Uffizi ed agli agenti della Zona Centrale della Polizia Municipale. Per il ladro è scattata una denuncia per furto aggravato ed i mezzi sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

Tutto si svolge in zona piazza Signoria. Una coppia di turisti francesi aveva posteggiato due costose biciclette elettriche assicurandole con una catena di ferro alla rastrelliera di via De’ Gondi. Dopo circa un’ora i due sono tornati per riprenderle ma delle biciclette non vi era nessuna traccia e quindi si sono rivolti ad un’agente della Polizia Municipale in forza presso il distaccamento della Zona Centrale in servizio in piazza della Signoria ed accompagnati nei locali di via delle Terme per sporgere denuncia. Si trattava di due biciclette elettriche recentemente acquistate in Francia del valore di 2500 euro l’una.

Visionati i filmati ripresi dalla telecamera di videosorveglianza presente proprio davanti alla rastrelliera è apparsa chiara tutta la scena: un uomo dalla carnagione scura si è avvicinato alle due biciclette con in mano delle tronchesi, in meno di sette secondi ha tagliato la catena con la quale erano state chiuse e si è allontanato in direzione piazza dei Giudici in sella ad una spingendo l’altra con la mano. Sono partite le ricerche e nel giro di mezz’ora un agente della Polizia Municipale del reparto Antidegrado ha ritrovato una delle due biciclette elettriche di fronte al Museo del Bargello.

Il maldestro ladro, nel frattempo transitava per via del Proconsolo a bordo della seconda bici. Una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Uffizi mentre stava svolgendo un servizio di prevenzione ha incrociato il 29enne di origine marocchino, soggetto già ampiamente noto ai militari per essere dedito ai furti di biciclette e dunque non hanno esitato a fermarlo. Lo stesso infatti era stato già arrestato il 27 aprile per lo stesso reato mentre stava cercando di asportare una bici da via della Ninna. Di fronte alle evidenti difficoltà di dare una convincente spiegazione sul possesso della fiammante bici elettrica lo conducevano in caserma per procedere nei suoi confronti e per ritrovare il legittimo proprietario.

Ed ecco che mentre la coppia di francesi, negli uffici della Polizia Municipale, rientrava in possesso della prima bici ha appreso che poteva recarsi presso la Caserma di via de Castellani per la consegna della seconda.

I turisti, particolarmente stupiti della celerità delle attività di indagine e del sistema integrato di intervento posto in essere dai Carabinieri e dalla Polizia Municipale, ringraziavano e continuavano il loro giro per la città.

Redazione Nove da Firenze