Rubrica — Pugilato

"Kaimuay Passerella": sport e beneficenza con la campionessa mondiale Emily Wahby

Giardini gremiti di famiglie e bambini che si sono cimentati nel circuito di kickboxing Muay Thai. Fino a domani a Prato, anche apericena Thai e stand Unicef


Si è aperta questo pomeriggio "Kaimuay Passerella", la due giorni dedicata al kickboxing Muay Thai e allo sport ai Giardini della Passerella, trasformati per l'occasione in un vero e proprio ring, il modo migliore per riappropriarsi di uno spazio che per molti anni è stato frequentato da presenze indesiderate.

Lo spazio alle porte del centro storico era gremito di famiglie e bambini che si sono cimentati con il circuito insieme alla campionessa mondiale di Muay Thai Emily Wahby.

Il sindaco Matteo Biffoni ha presenziato all'iniziativa e ha ringraziato il presidente di Kaimuay Alessandro Bertoglio, Emily Wahby, Gianluca Mantovani di “Quelli di Piazza Ciardi e Le vie del Serraglio”, Laura Badiani di Unicef Prato, Edoardo Pagliai di Aut Bar e Edoardo Carli di Left Lab.

Sport ma anche beneficenza, con la possibilità di acquistare le Pigotte di Unicef il cui ricavato sarà devoluto al progetto per l'istruzione delle bambine nei paesi africani.

L'iniziativa, che diventa l'occasione per praticare insieme sport all'aria aperta sempre nel rispetto delle norme anti Covid usufruendo del giardino riqualificato dalle associazioni, proseguirà fino a domani con incontri dimostrativi sul ring e apericena in stile Thai organizzato dall'Aut Bar.

Redazione Nove da Firenze