Infrastrutture in Toscana: a Firenze un incontro su progetti, sviluppo ed occupazione

Nodo fiorentino dell’alta velocità ferroviaria, corridoio tirrenico, Grosseto-Fano, potenziamento dell’aeroporto Vespucci di Peretola, terza corsia A/11 Firenze-Pistoia


Sono opere infrastrutturali di cui si discute da anni, decenni in alcuni casi, in Toscana. Opere per lo più già progettate e in molti casi anche già finanziate, ma che faticano a trasformarsi da progetto a realtà. Potrebbero migliorare la qualità della mobilità regionale, rendere più competitive le aziende toscane e attrattivo il territorio e creare occupazione?

Per fare il punto su queste e altre opere e capire quali sono gli ostacoli alla loro realizzazione e se ancora c’è la volontà di realizzarle, anche alla luce delle prime indicazioni del nuovo Governo, la Cisl Toscana, con le sue categorie del lavoratori edili (Filca) e dei trasporti (Fit), ha deciso di riunire attorno a un tavolo, per un dibattito pubblico, tutti i soggetti coinvolti: Anas, RFI, Atlantia (Autostrade), Regione, Ance. Ai lavori parteciperanno anche i segretari generali nazionali di Filca-Cisl, Franco Turri e Fit-Cisl, Antonio Piras.

L’appuntamento è per domani mattina, martedì 3 Luglio, negli spazi del Fuligno, in via Faenza 48, a Firenze. Questo il dettaglio del programma:

Redazione Nove da Firenze