Incidente nel sottopassaggio del Gignoro: stamani risentimenti sulla viabilità

Coinvolti tre auto e un ciclomotore, un ferito in modo lieve. Perde il controllo dell’auto, stanotte, andando a sbattere sul cordolo di viale Volta e si dà alla fuga, individuato e denunciato dalla Polizia Municipale. Per il conducente un tasso alcolemico quasi tre volte oltre il limite. Rischia l’arresto fino a sei mesi


Quattro veicoli coinvolti, per fortuna senza gravi conseguenze per i conducenti, e forti risentimenti sulla circolazione nella zona del Gignoro e di via Aretina. Sono queste le conseguenze di un incidente avvenuto stamani intorno alle 8.30 nel sottopasso del Gignoro. Sul posto è intervenuta una pattuglia dell’Autoreparto: quattro i veicoli coinvolti, tre auto e un ciclomotore. La dinamica è ancora al vaglio della Polizia Municipale, ma da una prima ricostruzione si tratterebbe di un tamponamento. Due auto e il ciclomotore in coda stavano percorrendo la corsia verso Coverciano quando, per un tamponamento, lo scooterista che si trovava dietro è caduto a terra tamponando una delle due vetture davanti a lui. Nella caduta, ha urtato con la ruota posteriore un’altra auto che sopraggiungeva nel senso opposto. Il conducente del ciclomotore, un 41enne residente nella provincia fiorentina, non ha riportato gravi ferite. Per consentire le operazioni di soccorso e i rilievi il sottopasso è stato quindi chiuso con forti risentimenti nella circolazione sia nella zona del Gignoro che in quella di via Aretina. Intorno alle 9.30 è stata riaperta la corsia verso l’Obihall, alle 10.15 circa il sottopasso è tornato pienamente transitabile.

Ha perso il controllo dell’auto andando a sbattere sul cordolo di viale Volta e si è dato alla fuga. Ma è andato poco lontano. Individuato dalla Polizia Municipale e risultato in stato di ebbrezza è stato denunciato. Per lui oltre al rischio di arresto fino a sei mesi, la sospensione della patente fino a un anno, un’ammenda fino a 3.200 euro, il fermo amministrativo del veicolo e verbali per varie violazioni del codice della strada. È finita così la notte di un automobilista fiorentino che aveva ecceduto con l’alcol. È stato un cittadino a segnalare l’incidente alla Polizia Municipale, avvenuto intorno alle 3.30 in viale Volta. L’uomo, che ha assistito al sinistro, ha raccontato agli operatori della Centrale Operativa l’accaduto, ovvero di aver visto un’Alfa Romeo perdere il controllo andando a sbattere contro il cordolo di viale Volta in direzione ingresso città. E che il conducente si è dato alla fuga. Il cittadino è anche riuscito a prendere il numero di targa che poi ha passato agli agenti. La fuga è stata molto breve: l’auto era talmente danneggiata che il conducente è stato costretto a fermarsi in piazza Edison, dove una pattuglia del distaccamento di Campo di Marte, allertata dalla Centrale Operativa, lo ha individuato. L’automobilista, un fiorentino di 32 anni, è stato sottoposto al pretest sulla presenza di alcol nel sangue. E visto che il risultato è stato positivo, l’uomo è stato portato dagli agenti al Comando per sottoporlo all’alcoltest che ha confermato uno stato di ebbrezza media con un valore di quasi quasi tre volte superiore al limite di legge. Per lui è scattata la denuncia guida in stato di ebbrezza media, punita con una ammenda che va da 800 a 3.200 euro e arresto fino a 6 mesi, oltre alla sanzione accessoria della sospensione della patente da 6 mesi a un anno e fermo amministrativo del veicolo. A suo carico anche sanzioni per 126 euro per due violazioni al codice della strada e la decurtazione di 6 punti sulla patente.

Redazione Nove da Firenze