Inaugurata la nuova piazzetta dello Sprone

Il sindaco Nardella: “Un luogo sconosciuto ai più, incastonato nell’Oltrarno, che finalmente viene riqualificato e valorizzato in tutta la sua unicità”


Un luogo storico di Firenze, che ospita una casa torre del XIII secolo e sul quale si affaccia un condominio progettato dal celebre architetto Giovanni Michelucci nel 1954, per decenni in stato di degrado e incuria, viene oggi riqualificato e donato alla città, diventando un posto aperto a tutti, dove fare una sosta di relax: è piazzetta dello Sprone, a due passi da Ponte Vecchio e da piazza della Passera, nel cuore dell’Oltrarno fiorentino. Lo spazio, una specie di cortile all’interno dei palazzi, diventato col tempo - oltre che un parcheggio - un posto di spaccio e un ricovero di fortuna per senzatetto, è adesso, dopo un attento lavoro di riqualificazione, estetica e funzionale, una vera e propria piazzetta con tanto di sedute, piante e rastrelliere per le biciclette. L’allestimento, completamente removibile, è stato svelato oggi nell’incontro alla presenza del sindaco Dario Nardella e degli assessori all’ambiente e decoro Alessia Bettini e all’urbanistica Giovanni Bettarini. La riqualificazione, sostenuta interamente da Ditta Artigianale Srl, che qui nel 2016 ha aperto una caffetteria con cucina, dedicata al ‘consumo consapevole di caffè’, in collaborazione con Comune di Firenze, è diretta da Marco e Luca Baldini dello studio di architettura Q-Bic. Tra le proposte per valorizzarla, quello di organizzarci progetti culturali, musicali e di alto artigianato, dai laboratori per bambini ai concerti di musica classica, al coinvolgimento delle botteghe storiche di artigianato, uno dei gioielli per cui questo quartiere di Firenze sta rapidamente diventando popolare nel mondo, in collaborazione con associazione IN Piazza, Trattoria 4 Leoni e Florence Factory.

Ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella: “Un luogo sconosciuto ai più, incastonato nell’Oltrarno, che finalmente oggi viene riqualificato e valorizzato in tutta la sua unicità. Grazie a tutti coloro che hanno creduto in questo progetto che restituisce un luogo suggestivo alla città sottraendolo al degrado”.

“Una bella occasione di collaborazione tra Comune e privati - ha affermato l’assessore Bettini, che ha curato l’iter dei lavori - che segue quella analoga effettuata con piazzetta dei Tre Re, vicino a via dei Calzaiuoli, e con la quale restituiamo alla città un piccolo angolo nascosto e dimenticato per farne un nuovo spazio di aggregazione e socialità”.

Patrick Hoffer e Francesco Sanapo di Ditta Artigianale dichiarano: “Piazzetta dello Sprone è un’area rimasta quasi sempre sconosciuta ai fiorentini. Per la prima volta viene recuperata e le viene data una fruizione pubblica, e siamo felici che il Comune di Firenze ci abbia sostenuto in questo percorso. Quando siamo arrivati qui qualche anno fa, ce la immaginavamo proprio così, con delle oasi verdi che la rendono più attrattiva e vivibile per i passanti, i residenti, o i turisti. Ringrazio tutti quelli che credono nel progetto, e sono qui”.

Marco e Luca Baldini dello studio Q-Bic spiegano: “Con questa riqualificazione, abbiamo optato per un approccio più informale rispetto a quello che in genere si propone nell’ambito di arredo urbano. Volevamo una specie di giardino domestico, dove tutti potessero sentirsi accolti, a casa. Per questo l’utilizzo di piante verdi è preponderante, anche un po’ in omaggio al Giardino di Boboli, che è qui vicino. Invitiamo tutti a concedersi del tempo, anche breve, in quest’isola di relax”.

Ha aggiunto Stefano Di Puccio di associazione IN Piazza: “Come da tempo facciamo con la Trattoria 4 Leoni per Piazza della Passera, organizzeremo qui nella nuova Piazzetta una programmazione di eventi, in via di definizione. Secondo noi è uno spazio perfetto per eventi più intimi, come performance teatrali, letture, concerti di musica classica, ma anche mostre di fotografia, pittura, tanto altro. Una sorta di ridotto di piazza della Passera, ma senza per questo sminuire l’importanza del luogo ma semmai valorizzandolo con eventi "su misura" di livello più alto, difficilmente realizzabili in un contesto urbano più grande come quello della piazza. Con Patrick Hoffer abbiamo quindi pensato di unirci per valorizzare il quartiere dove lavoriamo, promuovendo socialità e cultura”.

Concludono Jacopo Lotti e Lorenzo Bertini di Florence Factory, realtà dedicata all'alto artigianato: “Da tempo selezioniamo e organizziamo eventi e workshop con designer emergenti, artigiani contemporanei e botteghe storiche che rappresentano il più alto significato di Made in Italy e delle produzioni artigianali indipendenti. In un'ottica comune di valorizzazione delle risorse dell’Oltrarno, partiamo oggi con questa bella collaborazione. Proprio ora si stanno esibendo gli artigiani di Ceramica Giusti, tra i più noti. Tra le idee per il futuro, la produzione di oggetti, quali piatti e tazze coi ceramisti, cartoline e t-shirt con gli stampatori, laboratori di intrattenimento per bambini etc”.

Durante l’evento inaugurale, si sono tenute degustazioni di caffè secondo le ultime tendenze di consumo con il campione di caffè Francesco Sanapo, ideatore di Ditta Artigianale, e produzione di ceramica artigianale dal vivo con Studio Ceramico Giusti. Sono inoltre state presentate le nuove specialità del cuoco Marco Ardito e la rinnovata cocktail list con Stefano Cicalese, master distiller di Peter in Florence, il primo gin interamente fiorentino. 

Redazione Nove da Firenze