Aeroporto di Firenze, il Tar boccia l'ampliamento: no alla nuova pista. Si va al Consiglio di Stato

Accolta la linea dei Comuni e dei comitati della Piana e di Prato. Il decreto di "Via" (Valutazione impatto ambientale) è stato annullato dai giudici. Falchi (Sesto): "Grande vittoria, pista incompatibile con il territorio". Esulta "Sì". Stella (FI): "Uno stop dannoso per la città". Ricorso immediato di Toscana Aeroporti


Colpo di scena sull'ampliamento dell'aeroporto "Amerigo Vespucci" di Firenze. Il Tar, con una sentenza pubblicata oggi, a seggi chiusi, ha di fatto accolto i ricorsi dei Comuni di Calenzano, Carmignano, Poggio a Caiano, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa e Prato, oltre a quelli presentati dai comitati cittadini.

In pratica il decreto di "Via" (cioè, Valutazione impatto ambientale) del Ministero è stato annullato dai giudici amministrativi toscani, per i quali conterrebbe troppe prescrizioni.

"Con la sentenza n. 793/2019 il TAR della Toscana ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Sesto Fiorentino contro il decreto di VIA per il progetto del nuovo aeroporto di Firenze - fa sapere il Comune di Sesto - I giudici hanno accolto pienamente il ricorso, giudicando illegittimo il decreto di VIA poiché non ha compiutamente valutato l’impatto ambientale del progetto, prevedendo un elevato numero di prescrizioni che per tenore di fatto hanno posticipato la valutazione dell’impatto ambientale alla effettiva realizzazione del progetto. Tra gli elementi di criticità, anche la costituzione dell’osservatorio ambientale senza il coinvolgimento dei Comuni interessati dall’opera.

“Una giornata di straordinaria importanza per il nostro territorio e il suo futuro. Il TAR ha riconosciuto la validità delle ragioni dei Comuni, delle associazioni, dei comitati contro un’opera che noi riteniamo sbagliata - afferma il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi - Si tratta di una grande vittoria, che dovremo senz’altro approfondire, ma che nella sostanza è chiara: il decreto di VIA è illegittimo e cade, pertanto, tutto il castello giuridico e amministrativo messo su anche con alcune forzature per arrivare a realizzare a tutti i costi una pista incompatibile col nostro territorio e illegittima dal punto di vista giuridico. Un pensiero, oggi, va a tutti gli amministratori e ai cittadini che per anni si sono battuti contro un’opera sbagliata. L’unico rammarico è che a questo risultato si sia dovuti arrivare per via giudiziaria e non attraverso la politica”.

Esulta anche il sindaco di Camignano Edoardo Prestanti: “Vittoria. Abbiamo bloccato l’aeroporto di Firenze e salvato l’ambiente e la salute della Piana. Siamo riusciti in un’impresa che sembrava impensabile – ha proseguito il primo cittadino -, ossia bloccare una delle opere più sbagliate e pericolose sia per l’ambiente che per la salute di tutti i cittadini. Adesso approfondiremo meglio le motivazioni, ma la sentenza è chiara, il decreto di Via è illegittimo”. E infine: “Il mio pensiero va a tutti i colleghi con i quali abbiamo marciato, molte volte anche in solitudine, e a quel popolo meraviglioso che ci ha accompagnato nella bellissima manifestazione del 23 marzo – ha concluso il sindaco -. Abbiamo vinto, ha vinto la Piana e uno sviluppo giusto e sostenibile”.

“Non è la burocrazia, non è un complotto, non è una congiura contro lo pseudo-sviluppismo targato Renzi-Carrai-Nardella ma la definitiva conferma che la realizzazione del nuovo aeroporto si basa su un castello di forzature e che nella piana la nuova pista non ci può stare, essendo un’area iperurbanizzata, fra le più inquinate d’Europa, satura di complessi produttivi e opere impattanti di ogni genere, autostrade comprese. Lì non potrebbe entrarci uno spillo, figuriamoci il nuovo aeroporto”, affermano Tommaso Fattori e Paolo Sarti, consiglieri regionali di Sì-Toscana a Sinistra, commentando la sentenza del Tar . 
“L’ostinazione di Renzi e Rossi ci ha trascinati in questo vicolo cieco, senza che il Ministro Toninelli abbia mosso un dito per cambiare direzione. Si tratta di un progetto irrealizzabile se non a costi economici folli e con insostenibili ricadute di tutti i tipi, dal rischio idrogeologico all’aumento dell’inquinamento in un’area già fortemente inquinata. La valanga di prescrizioni alla VIA da parte dei tecnici del ministero rappresentava di fatto una bocciatura mascherata del progetto, evidenziando un numero gigantesco di elementi critici sul piano ambientale, urbanistico, idrogeologico. Non mancava nulla, neppure i capitoli dell’inquinamento acustico, della viabilità per le aree di Sesto Fiorentino e l’Osmannoro, per non dire delle mancanze di approfondimenti sui rischi di incidente aereo e di bird-strike”, sottolineano Fattori e Sarti.

Di opinione totalmente diversa Marco Stella, coordinatore fiorentino di Forza Italia: "Per colpa del ricorso dei sindaci di 6 Comuni della Piana (Prato, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Poggio a Caiano, Carmignano e Calenzano), tutti di centrosinistra e del Pd, il Tar della Toscana ha bocciato la nuova pista dell'Aeroporto di Peretola. Complimenti! Le forze contrarie allo sviluppo dello scalo aeroportuale fiorentino, in accordo con i comitati, si battono per affossare il rilancio dell'aeroporto scalo e la realizzazione della nuova pista, e ora brindano al pronunciamento dei giudici amministrativi- La popolazione vuole la nuova pista - sottolinea Stella - e se qualcuno non la vuole è sicuramente contro lo sviluppo economico e le nuove prospettive occupazionali dell'area metropolitana. Non è più pensabile andare avanti così, con 1.000 voli dirottati e decine di migliaia di passeggeri persi a causa di condizioni meteo avverse. Con la nuova pista da 2.400 metri tutto questo non avverrebbe. Inoltre, i passeggeri raddoppieranno da 2.2 a 4.5 milioni e avremo 5.000 nuovi posti di lavoro. La sentenza del Tar, purtroppo, fa cessare gli effetti del decreto riportando tutto allo stato precedente per la VIA e fa cadere le basi anche del masterplan che ha avuto il via libera dalla Conferenza dei Servizi a febbraio: è una tragedia. I fiorentini sanno chi devono ringraziare per lo stop allo sviluppo infrastrutturale".Firenze, 27 mag. 

"Siamo esterrefatti della sentenza del Tar che con la sua decisione nega la validità della valutazione d'impatto ambientale per realizzare la nuova pista dell'aeroporto di Firenze. È difficile immaginare come si sia potuta prendere, da parte dei giudici, una decisione così in contrasto con quanto tre ministeri, Enac, Regione Toscana, amministrazioni locali concordemente hanno approvato in un documento frutto di anni di lavoro". E' quanto spiega in una nota il Comitato si' aeroporto di Firenze. "Increduli- aggiungono-, aspettiamo il Consiglio di Stato per capire se a prendere un abbaglio su un progetto cosi' importante e decisivo per il territorio siano state molteplici istituzioni dello Stato italiano oppure un singolo tribunale". Nel frattempo, prosegue il comitato, "chiediamo alle imprese di non desistere: coloro che dovevano investire allettati dalla nuova infrastruttura mantengano gli investimenti, coloro che stavano per disinvestire aspettino a farlo".

Toscana Aeroporti annuncia di voler presentare un ricorso immediato e una richiesta di sospensiva al Consiglio di Stato per contrastare la sentenza del Tar che oggi ha annullato il decreto di Via del ministero dell'Ambiente relativamente alla nuova pista dello scalo di Peretola. In una nota la società critica l'operato dei giudici amministrativi: "La sentenza non affronta profili giuridici, ma entra nel merito dei dettagli tecnici sovvertendo il giudizio dei tecnici istituzionali all'uopo preposti- sostiene Toscana Aeroporti-. Appare, peraltro, quantomeno singolare che il giudice, entrato nel merito dei dettagli progettuali, non si sia avvalso di un proprio consulente tecnico e che la sentenza sia stata deliberata lo stesso giorno dell'udienza". In pratica, "in qualche ora il collegio giudicante ha studiato, approfondito e valutato senza aver alcuna competenza tecnica in materia 146 elaborati progettuali e un totale di 399 elaborati tecnici e ambientali, la cui predisposizione e approvazione ha visto impegnati tecnici ministeriali e istituzionali qualificati e varie universita' per oltre due anni e mezzo". In ogni caso, viene precisato, "non è stata Toscana Aeroporti a ritenere adeguati alla Via i dettagli progettuali, ma le strutture tecniche ministeriali competenti".

Redazione Nove da Firenze