Il nuovo Pd partirà da Firenze: Nardella ringrazia Zingaretti

Il segretario dem candida il capoluogo toscano per aprire la serie di 10mila assemblee del partito. Il sindaco: "La nostra città è il luogo ideale grazie ai suoi valori democratici e antifascisti"


(DIRE) Roma, 7 feb. - "Non dobbiamo avere paura di un congresso politico straordinario. Non è una fuga dall'agenda quotidiana. Ma un atto che ci rende piu' forti. Un appuntamento non sui nomi ma di coinvolgimento di dialogo e di apertura su idee e visioni", dice Nicola Zingaretti alla direzione del Pd. Per anni, spiega, "abbiamo chiamato le persone ai gazebo a votare sulla scelta dei leader. Ora dobbiamo chiamarli non solo a votare a ma a discutere su un progetto e su idee da mettere in campo. Un 'occasione rivolta a noi ma anche a chi del Pd non è. Una vera e propria costituente delle persone e delle idee". 

Il congresso "partirà dalla prossima assemblea nazionale con un voto e un regolamento. E si svilupperà in tutto il Paese con 10mila assemblee, almeno una in ogni comune, segnalando l'appuntamento in una piattaforma digitale. Tutto questo potrebbe partire da Firenze in un grande appuntamento di piazza".

"Ringrazio Zingaretti per aver proposto Firenze come inizio di una costituente delle persone e delle idee. Il Pd ha bisogno di trovare un'identità chiara e riconoscibile dai cittadini, legata al paese reale. Firenze può essere il luogo ideale per questa nuova fase, grazie ai suoi valori democratici e antifascisti, grazie al consenso politico che ha saputo portare al centrosinistra, grazie alla sua energia e voglia di futuro. Noi ci siamo", sottolinea il sindaco Dario Nardella.

Redazione Nove da Firenze