In Consiglio regionale le politiche per valorizzare la montagna

Domani pomeriggio e mercoledì mattina all'ordine del giorno vari atti e la relazione annuale del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale


Il Consiglio regionale torna a riunirsi martedì 11 giugno alle 15.30 e mercoledì 12, in seduta antimeridiana, con inizio alle 9.30.

Tra gli atti all’ordine del giorno della seduta la relazione annuale sull’attività svolta dal Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, anno 2018; le politiche per la montagna e gli interventi per la valorizzazione dei territori montani; le modifiche al Testo unico del sistema turistico regionale; le norme in materia di alienazione degli alloggi Erp (Edilizia residenziale pubblica) a favore degli assegnatari conduttori, nella frazione di Cardoso del Comune di Stazzema; la proposta di legge che abroga l’articolo 16 della 37/2018, ovvero le disposizioni per la gestione in concessione del Canale Battagli di Montevarchi introdotte perché, almeno in un primo momento, si pensava fosse esaurita la sua originaria funzionalità demaniale.

Tra i temi oggetto di interrogazioni a riposta immediata, “l’invio a domicilio dei referti analisi del sangue da parte dell’Ospedale di Prato” (Jacopo Alberti, Lega); le criticità, dal punto di vista del personale impiegato, presso gli ospedali della Toscana (Elisa Montemagni, Lega); le centrali a biogas del Comune di Grosseto (Monica Pecori, Gruppo misto-Toscana per tutti).

Molte le mozioni iscritte all’ordine del giorno d’aula.

Redazione Nove da Firenze