I risultati della raccolta RAEE in Toscana 2018

Secondo i dati del Rapporto sulla gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, la regione ha portato a oltre 26.000 le tonnellate raccolte, pari a 7,14 kg/ab. Firenze è prima per quantitativi assoluti e Lucca è la migliore per media pro capite


Secondo i dati presentati dal Centro di Coordinamento RAEE nell’undicesima edizione del “Rapporto Annuale sul Sistema di Ritiro e Trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia”, anche nel 2018 la Toscana conferma la sua leadership nel Centro Italia per quanto riguarda la raccolta di RAEE con 26.679 tonnellate totali di rifiuti avviati a corretto smaltimento, un risultato in crescita del 6,9% rispetto al 2017 e tra i migliori a livello italiano.

Anche la raccolta media pro capite incrementa di oltre il 7% per un totale di 7,14 kg per abitante, dato migliore in assoluto nell’area di riferimento e tra i più performanti a perimetro nazionale.

Meno brillante lo stato della rete infrastrutturale composta da 200 centri di raccolta, di cui 156 aperti alla distribuzione, e da altri 52 gestiti da distributori, installatori e sistemi collettivi. Questo fa sì che in media ogni 100.000 abitanti siano a disposizione solo cinque strutture, un dato in linea con la media dell’Italia centrale, ma al di sotto delle effettive esigenze della popolazione residente.

Nella classifica dei raggruppamenti in base ai quali vengono ripartite le diverse tipologie di RAEE il primato spetta ai grandi bianchi (R2) con un peso del 42%, seguono freddo e clima (R1) con quasi il 24%, Tv e monitor (R3) e piccoli elettrodomestici (R4) a oltre il 16%, quantitativamente da incrementare, e dalle sorgenti luminose (R5) allo 0,4% sul totale.

Dall’analisi della raccolta per singole province, con oltre 7.727 tonnellate di RAEE raccolti Firenze si conferma al primo posto. Nelle restanti province la situazione è abbastanza omogenea e positiva quasi ovunque: Lucca e Pisa si attestano oltre le 3.100 tonnellate - precisamente 3.190 e 3.128 - seguite da Livorno (2.529 tonnellate) e da Arezzo (2.150 tonnellate). A Prato la raccolta cresce di oltre il 36% per un totale di 1.896 tonnellate di rifiuti avviati a corretto smaltimento, mentre a Siena, unica in tutta la regione, il trend è negativo (-1,31%) per un totale di 1.748 tonnellate. Si attestano invece sotto le 1.700 tonnellate le raccolte delle province di Grosseto e Pistoia, rispettivamente 1.687 e 1.629 tonnellate. Ultima a distanza, con 995 tonnellate, Massa Carrara che è però in controtendenza rispetto al 2017, registrando un incremento nella raccolta superiore al 25%.

In termini di raccolta pro capite, Lucca continua a mantenere la leadership con 8,19 kg/ab, seguita da Firenze con 7,63 kg/ab, Grosseto con 7,59 kg/ab e Livorno con 7,52 kg/ab. Molto positive anche le raccolte pro capite di Pisa, Prato, Siena, Arezzo. Più contenute, con una raccolta inferiore ai sei chilogrammi per abitante, le raccolte pro capite di Pistoia e Massa Carrara.

Alquanto disomogenea la presenza per provincia di centri di raccolta ogni 100.00 abitanti: se Siena e Arezzo possono contare rispettivamente su 14 e dieci centri, Pisa su otto e Grosseto su sette - tutti dati allineati se non addirittura superiori alla media nazionale (sette) - lo stesso non si può dire per Massa Carrara (tre), Firenze (due) e Prato (uno).

Commenta Fabrizio Longoni, direttore generale del Centro di Coordinamento RAEE: “I risultati della raccolta di RAEE 2018 a livello nazionale sono soddisfacenti e registrano un incremento del 5% rispetto all’anno precedente, grazie all’impegno di tutti i gestori della raccolta, siano essi Comuni, aziende della gestione rifiuti oppure distributori e installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Il risultato della Toscana, in cui praticamente tutte le province mostrano un incremento, è tra i migliori a livello nazionale e supera di due chilogrammi la media italiana pro capite (39% in più). Gli obiettivi della regione possono muovere verso ulteriori miglioramenti e vista la rete infrastrutturale presente un incremento nelle aree meno servite potrà far crescere ancora la raccolta. Puntando su una comunicazione opportunamente indirizzata a diffondere la cultura della differenziazione dei RAEE, la regione può completare un percorso che conduce verso l’eccellenza. Il contrasto dei fenomeni di avvio verso circuiti non corretti di gestione dei RAEE e la valutazione di attività che possano favorire il conferimento di RAEE di origine domestica, da parte di tutti coloro che li detengono, possono essere le linee di sviluppo operative che consentiranno l’aumento della raccolta”.

Centro di Coordinamento RAEE

Il Centro di Coordinamento RAEE è un consorzio di natura privata, gestito e governato dai Sistemi Collettivi sotto la supervisione del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare e del Ministero dello Sviluppo Economico. È costituito dai Sistemi Collettivi dei produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (AEE), in adempimento all’obbligo previsto dal Decreto Legislativo n. 49 del 14 marzo 2014. Il compito primario del Centro di Coordinamento RAEE è garantire su tutto il territorio nazionale una corretta gestione dei RAEE originati dalla raccolta differenziata, assicurando che tutti i Sistemi Collettivi lavorino con modalità ed in condizioni operative omogenee; il Centro di Coordinamento RAEE stabilisce, inoltre, come devono essere assegnati i Centri di Raccolta RAEE ai diversi Sistemi Collettivi.

Redazione Nove da Firenze