Gli Ncc: "Senza di noi Pitti andrebbe in crisi"

In 300 hanno trasportato oltre 10mila persone al giorno: "La prova che il nostro servizio è insostituibile, il Governo faccia qualcosa"


Firenze, 13 giugno 2019 – 300 ncc per un totale di oltre 10mila persone trasportate al giorno. Sono le stime del servizio di Noleggio con conducente dell'associazione di categoria Azione NCC in occasione della nuova edizione di Pitti Uomo, in programma in questi giorni a Firenze.

“Pitti Uomo con migliaia di visitatori specializzati, buyers ed espositori è la migliore prova che il servizio che offrono gli Ncc è insostituibile e necessario per far funzionare al meglio una manifestazione che dà lustro al made in Italy e a Firenze. Eppure per tutelare il monopolio dei taxi il Governo ha deciso di ucciderci mandando sul lastrico migliaia di aziende e di posti di lavoro” questo il grido di allarme del segretario di Azione NCC Stefano Giusti.

“Se, come vorrebbero dal Governo e dal Parlamento, noi uscissimo di scena è probabile che Pitti Uomo ne risentirebbe in maniera molto pesante – spiega Giusti – perché quando c'è questo afflusso di persone che hanno la necessità di muoversi in maniera puntuale e sicura, come coloro che frequentano la manifestazione fiorentina, il monopolio dei tassisti dimostra tutta la sua incapacità a dare risposte adeguate sia in qualità che in quantità. Ma è evidente che per i tassisti e i loro amici al Governo e in Parlamento contano più i propri piccoli interessi particolari che non l'interesse generale di una città come Firenze e di una manifestazione di rilievo internazionale come Pitti Uomo”.

“Per questo – conclude Giusti - chiediamo che chi ha ancora a cuore il benessere collettivo dei cittadini e il loro diritto ad avere servizi di qualità senza dover sottostare ai ricatti di un mercato chiuso e protetto, di unirsi a noi per far sentire forte la protesta contro questa ingiustizia che stanno facendo al nostro settore e a tutti i cittadini”.

Redazione Nove da Firenze