Galluzzo, che peccato: chiude dopo 38 anni la fioraia di piazza Acciaioli

Paola Ceni: "Da 3 anni c'era aria di crisi. Rottamerò la licenza, andrò in pensione e starò dietro ai nipotini"

Antonio
Antonio Patruno
13 marzo 2021 16:56
Galluzzo, che peccato: chiude dopo 38 anni la fioraia di piazza Acciaioli

GALLUZZO (FIRENZE) - C'è tristezza al Galluzzo perché sta morendo un negozio storico: domani sarà l'ultimo giorno di lavoro per Paola Ceni, la fioraia di piazza Acciaioli angolo via Silvani, un'attività molto apprezzata in paese (e non solo) aperta oltre 37 anni fa, era l'11 febbraio 1984.

"Da circa 3 anni - racconta Paola nel suo negozio dove ormai sono rimasti pochissimi fiori - c'era aria di crisi e un anno fa mia sorella Angela, che lavorava con me, ha cambiato attività. Adesso tocca a me, e andrò in pensione, mi occuperò sempre più dei miei nipotini Niccolò e Tessa".

Paola Ceni riporterà la licenza in Comune: come si dice in gergo tecnico, la "rottamerà" e quindi non è dato sapere cosa verrà al posto del negozio di fiori.

Paola e Angela sono sempre state molto professionali e gentili: lasciano un ottimo ricordo in paese. Nella giornata di oggi tanti galluzzini, dopo aver saputo della prossima chiusura (decisa pochissimi giorni fa), sono passati a salutare Paola e a comprare gli ultimi fiori. "La mia vita cambierà molto - dice con un filo di commozione - non mi alzerò più alle 5 della mattina per andare a prendere i fiori e non starò più in negozio a contatto con le persone. Il rischio è quello della noia ma andare nel mio campo e soprattutto seguire i nipotini mi sarà di grande aiuto".

Adesso c'è da sbrigare queste pratiche burocratiche, nelle quali Paola sarà guidata dalla figlia Barbara che è Consulente del Lavoro, poi inizierà la nuova vita della fioraia del Galluzzo.

Foto gallery
In evidenza