Franck Ribery miglior giocatore della serie A in settembre: ora sfida l'Udinese

foto concessa da Violachannel

Domani alle 12,30 viola contro i friulani e prima della partita il fuoriclasse francese sarà premiato da Joe Barone. De Siervo (ad Serie A): "In questo avvio ha mostrato il meglio del suo repertorio". Montella con il dubbio Milenkovic


“Ribery ci ha dimostrato in questo avvio di stagione tutto il meglio del suo repertorio. Ha deciso di cimentarsi in un Campionato altamente tecnico e tattico come il nostro e con le sue giocate sta contribuendo ad innalzare la qualità delle partite della Serie A TIM. E’ un piacere che il primo MVP della stagione sia stato assegnato a un campione come lui”. Parole di Luigi De Siervo, Amministratore Delegato della Lega Serie A, che ha istituito, a partire da questa stagione sportiva, il riconoscimento per il miglior calciatore del mese della Serie A TIM e ha assegnato il premio MVP di settembre (per il calcolo del quale sono stati considerati anche i primi due turni di agosto" proprio a Franck Ribery. La classifica finale è stata stilata secondo le rilevazioni statistiche di STATS e OPTA, con l’ausilio dei dati di tracking registrati da Netco Sports. 

Tra le principali caratteristiche che hanno permesso al numero 7 viola di primeggiare su altri grandi campioni si evidenziano i seguenti dati: 

- Vince o comunque conclude positivamente l'86% degli 1vs1 puri;

- Contribuisce ad accelerare la manovra e le ripartenze grazie ad un indice di aggressività offensiva del 94%;

- È tra i primi anche nella speciale classifica dei giocatori che optano per la scelta di gioco ottimale, raggiungendo un indice del 95%;

- È il destinatario ideale per i compagni che devono effettuare lanci o passaggi, avendo una efficacia nei movimenti e nello smarcamento del 94%;

- Dal punto di vista atletico l'aspetto predominante riguarda le accelerazioni, dove ha un'efficienza media del 95%.

Per quanto riguarda la partita contro i friulani, il tecnico Montella ha il dubbio Milenkovic che ha "qualche acciacco" ma dovrebbe farcela. Verso, ancora una volta, il 3-5-2 che però potrebbe diventare un 4-3-3 se il serbo dovesse dare forfait. Parole di stima per l'Udinese ("squadra completa") e la certezza che sarà una partita difficile, da prendere con calma.

Non ci sarà Pedro, che non è stato neanche convocato in Primavera, pare perché il campo del Torino (si gioca oggi sabato 5 ottobre con inizio alle 17) è sintetico e il brasiliano ancora alle prese con una condizione fisica non perfetta potrebbe risentirne. Pedro partirà per aggregarsi al Brasile Under 20, al ritorno Montella valuterà i progressi fatti.

Redazione Nove da Firenze