Firenze: per paura degli scontri i negozi sbarrano le vetrine

Corteo contro il Dpcm: barriere e cartoni nel centro in allerta. Forze dell'ordine già schierate


FOTOGRAFIE — La manifestazione sarebbe riconducibile al mondo ultras, divulgata con volantino intitolato “Fate girare Firenze”. Numerosi i negozi in centro storico che hanno deciso di mettere tavole di legno a protezione delle vetrine.

La contestazione non autorizzata in piazza della Signoria ha indotto la polizia a presidiarla. I timori di scontri, con un tam tam sui social, hanno indotto i commercianti a blindare i negozi: da Gucci a Prada alla Rinascente, in vista della manifestazione di stasera, hanno chiuso prima, in fretta e furia a fine pomeriggio. Alcuni hanno addirittura chiamato i falegnami a sistemare assi e pianali di legno a protezione.

Eppure anche i tifosi della curva Fiesole hanno preso le distanze dalla manifestazione di protesta contro le misure prese dal Governo per frenare la pandemia. E anche l'estrema destra ha smentito di aver animato la manifestazione.

Ieri l'allarme era stato lanciato dai sindacati di Polizia: "Il Sindacato dei Lavoratori di Polizia della Cgil e la Uil Polizia di Firenze esprime forte preoccupazione" si leggeva in un documento.

Ma se nessuno ha  il coraggio di mettere la propria firma sulla manifestazione che intenderebbe cavalcare la rabbia di chi è stato colpito dalle misure anti Covid, chi scenderà in piazza davvero stasera?

Redazione Nove da Firenze