Firenze: l'ultima settimana di campagna elettorale

Ieri la Palazzina Reale l'incontro con i candidati a sindaco organizzato dall'Ordine degli Architetti. Stamani la “Marcia per la dignità urbana” con il candidato sindaco M5S. Domenica 19 maggio la Lega in piazza. Angelo Bonelli il 21 maggio per la candidatura di Andrés Lasso per i Verdi. Venerdì 24, alle ore 20:00, la chiusura di Dario Nardella in piazza Berlinguer, alle 21:00 la serata della lista a sostegno di Antonella Bundu


FOTOGRAFIE — Firenze, 18 maggio 2019- Ultima settimana di campagna elettorale, a Firenze. Il 26 maggio , in concomitanza con le elezioni europee, si svolgeranno anche nella nostra città le amministrative e i fiorentini volteranno per il sindaco e il nuovo consiglio comunale.

Si è tenuto ieri alla Palazzina Reale di piazza Stazione l'incontro con i candidati organizzato dall'Ordine e dalla Fondazione Architetti Firenze, per affrontare i temi di urbanistica, trasporti, architettura e progettazione in vista delle elezioni del 26 maggio. Al centro dell'attenzione ci sono stati lo sviluppo della città e gli strumenti con cui verrà attuato. All'incontro hanno partecipato Ubaldo Bocci, Antonella Bundu, Roberto De Blasi, Gabriele Giacomelli, Andres Lasso e Fabrizio Valleri. A “intervistare” i candidati sindaco sono stati Serena Biancalani, presidente dell'Ordine degli Architetti di Firenze, e il consigliere Pier Matteo Fagnoni. Cinque le domande che sono state poste agli aspiranti primi cittadini, su altrettanti temi: città e mobilità; urbanistica; concorsi di progettazione; fiume Arno; rapporti fra professionisti e pubblica amministrazione.

Si è svolto ieri, presso lo Yab–Discoteca, l’“Aperiturismo”, Un evento: per il Turismo a 360°, organizzato dal candidato al consiglio Comunale per la Lista Civica Firenze – Bocci Sindaco, Roberto BoccacelliPresente il candidato sindaco del centrodestra, Ubaldo Bocci, che ha salutato una platea attenta e più numerosa rispetto alle aspettative. “Mi piacerebbe guardarvi uno ad uno negli occhi – ha detto Bocci – e fare un patto personale con ognuno di voi”. Durante la serata si è parlato di #Turismo, risorsa imprescindibile per #Firenze. In particolare, si è discusso di #tassadisoggiorno e di quali misure concrete siano necessarie per renderla più favorevole al mondo del turismo, del rapporto fra settore #alberghiero ed #extralberghiero, della necessità di #fermareladesertificazione del centro storico anche con vantaggi fiscali (IMU e TARI) per residenti e laboratori artigiani e dell’importanza di #qualificareilturismo e stimolare quello congressuale. “Io vorrei cambiare questa città, insieme alla nuova Giunta. Noi vorremmo portare cambiamento!”, ha detto Boccacelli durante il suo intervento. Sono intervenute all’evento anche la candidata al consiglio Comunale per la Lista Civica Firenze – Bocci Sindaco, Laura Solare e la candidata al consiglio di Quartiere per la Lista Civica Firenze – Bocci Sindaco, Katia Acheronte.

Roberto De Blasi candidato sindaco M5S ha partecipato oggi alla "Marcia della Dignità Urbana" nata da un'idea di Emanuele Masiello. De Blasi durante questa passeggiata nata per documentare le criticità emerse nella costruzione della tranvia lungo il tracciato da piazza Dalmazia fino a piazza Stazione, ha dichiarato: "oggi, insieme a molti attivisti e cittadini, abbiamo riscontrato incredibili difetti nella costruzione dell’opera. Barriere architettoniche ovunque, marciapiedi dal passo insufficiente (70/90 cm) interrotti da palificate a servizio di semafori e linee elettriche aeree, balaustre di diversa forma e natura a delimitare i marciapiedi dai binari, aiuole contornate da cordoli a quota inspiegabilmente differente da quella del marciapiede, messa a dimora di alberature sotto le linee di alimentazione del treno (che dovranno necessariamente essere abbattute appena raggiungeranno il contatto con i cavi), aiuole arredate con prati e con ghiaie senza il minimo senso di continuità e coerenza progettuale nella scelta di materiali e stili. Non mancano poi – prosegue De Blasi - cantieri interrotti e ingiustificabilmente abbandonati in piazza Leopoldo. Per non parlare del deturpamento del paesaggio che da secoli ha caratterizzato gli scorci maggiormente rappresentativi della città di Firenze come i bastioni della Fortezza da Basso e piazza della Stazione. Insomma la città è stata messa letteralmente al servizio della tranvia invece che essere la tranvia al servizio della città. Un “convoglio” - aggiunge De Blasi- utilizzato come mezzo di propaganda elettorale del sindaco uscente Nardella che non ha mancato di tappezzarne la carrozzeria con la sua faccia. Un esempio “rappresentativo” per gli insegnanti della scuola di Architettura di Firenze per dimostrare agli allievi tutto ciò che “non deve” assolutamente essere fatto nella progettazione e realizzazione di un’infrastruttura del genere”.

Si è svolto oggi al Comitato di Ubaldo Bocci in via dell’Oriuolo l’incontro “Investire si deve, si può”, nel corso del quale Bocci si è confortato con Sergio Albarelli, top manager d’esperienza e curriculum internazionali, sul tema “come attrarre investimenti nella città del domani”. Albarelli ha maturato più di 25 anni di esperienza nel mondo dell’asset management. Tra i molti incarichi ricoperti, ha lavorato in Franklin Templeton, di cui è stato responsabile dell’ufficio italiano, spagnolo, francese e del Benelux, è stato vicepresidente dell’American Chamber of Commerce in Italy, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Azimut Holding.

Si chiama "Le mani su Firenze - Ombre e fallimenti del sistema Renzi-Nardella" la mostra allestita dal parlamentare di Fratelli d'Italia Giovanni Donzelli, la cui anteprima in sei pannelli è stata presentata oggi ai piedi di Palazzo Vecchio, simbolo del potere fiorentino. "Un sistema che privilegia gli amici e che usa le istituzioni per interessi privati. Tutto a discapito di Firenze. Il Partito democratico ha provato a nascondere in questa campagna elettorale il renzismo e tutti i danni che ha fatto, compreso quello di lasciarci Nardella in eredità. Fratelli d'Italia ha combattuto senza sosta i loro metodi: con questa mostra abbiamo ricordato alcuni dei casi simbolo della loro arroganza e incapacità, fra inchieste, intrecci e favori. Hanno avvilito la città, i fiorentini non gliela vogliono consegnare di nuovo", ha sottolineato Donzelli "La mostra ha lo scopo di raccontare alcuni dei fatti gravissimi che i fiorentini hanno il diritto di conoscere: come le gare assegnate, poi annullate e finite sotto processo per i casi di 'Piscinopoli', che vede a giudizio l'assessore Vannucci e un membro della segreteria del sindaco, e dell'ex ippodromo Le Mulina, le cui pressioni di Lotti e Nardella non sono mai state chiarite. Oppure il permesso auto concesso dall'attuale sindaco ad Agnese Renzi per parcheggiare e circolare liberamente in tutta la città senza che ne avesse diritto, notizia 'bollata' come 'fake news' dallo stesso Matteo Renzi, smentito dai documenti ufficiali che parlano di una evidente corsia preferenziale aperta da Palazzo Vecchio per sua moglie. E gli intrecci con Mafia capitale nell'operazione per la realizzazione del nuovo campeggio di Rovezzano, vicenda su cui il sindaco Nardella ci ha querelato ed ha perso in tribunale, che ha giudicato veri i fatti da noi denunciati. Per non parlare degli intrecci che hanno visto coinvolti, nella vicenda della compravendita dell'ex teatro comunale, gli ex soci di Tiziano Renzi o i figli del fedelissimo di Matteo Renzi, Andrea Bacci, insieme all'ultimo presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi. Fino al caso dei debiti della famiglia Renzi ripagati con i soldi pubblici grazie agli amici della finanziaria Fidi Toscana e alla firma sul mutuo del padre dell'ex Ministro Luca Lotti", ha aggiunto Donzelli.

Domenica in piazza Strozzi c'è la propaganda di Salvini. Nardella afferma che “a Firenze tutti sono liberi di manifestare e di contestare”. “Dispiace constatare che il ministro Salvini non fa quello che promette in campagna elettorale per Firenze. Lo stesso ministro aveva promesso “entro l’estate” 250 agenti che mancano nell’organico delle forze dell’ordine a Firenze. E' vero che qui l'estate sembra non voler arrivare, ed è anche vero che tutte le volte che arriva Salvini qua piove a dirotto, ma tra la promessa e la realtà ci sono i numeri degli uffici del ministero in risposta a una mia interrogazione”, così il deputato fiorentino Gabriele Toccafondi, a margine dell'iniziativa ieri in Piazza Santo Spirito sulla sicurezza promossa dalla lista civica Avanti Firenze insieme al senatore Riccardo Nencini.

Pic-nic al parco delle Cascine con il candidato sindaco Dario Nardella. L’appuntamento è alle 12,30 distribuzione dei cestini con il pranzo con possibilità di scelta tra menù classico, vegetariano e gluten free – menù a cura di Luisanna Messeri. Il pic-nic si terrà all’ippodromo del Visarno. La partecipazione è gratuita.

Altra manifestazione lunedì 22 maggio alle ore 21:00 presso l'hotel Adriatico in via Masofiniguerra 9. Saranno presenti Jacopo Cellai, candidato al Consiglio Comunale nella lista di Forza Italia, gli on. Stefano Mugnai e Maurizio Gasparri, il vicesindaco di Pisa e candidata al Parlamento Europeo Raffaella Bonsangue e il candidato a Sindaco di Firenze del centrodestra Ubaldo Bocci.

Martedì 21 maggio Angelo Bonelli, storico esponente della Federazione dei Verdi sarà a Firenze per appoggiare la candidatura di Andrés Lasso a sindaco di Firenze e per lanciare un appello in vista del voto europeo. Alle 11:00 Bonelli e Lasso saranno sul Ponte Santa Trinita per partecipare a un flashmob sull'Arno. Giovedì 23 maggio Bonelli sarà di nuovo a Firenze per partecipare alla festa di chiusura della campagna elettorale dei Verdi alle Murate a partire dalle 21.00.

Fratelli d’Italia organizza due iniziative per martedì 21 maggio. Alle ore 12,30, al mercato delle Cascine, sarà presente Giorgia Meloni, che incontrerà i cittadini e il candidato sindaco Ubaldo Bocci, appoggiato da tutto il centro-destra unito. La sera, dalle 19,30, torna “Destra in Festa”, lo storico evento che fu di Alleanza Nazionale: una serata con interventi politici, apericena e Comunità. Il luogo dell’incontro sarà il TMA Twist Club (ex Terrazza Martini) in via Dalla Chiesa (a Rovezzano), dove i vertici di Fratelli d’Italia lanceranno la candidatura di Alessandro Draghi, uomo di punta per il Consiglio Comunale. Tra i tanti, sono previsti gli interventi del senatore Achille Totaro, dell’On. Giovanni Donzelli, del consigliere regionale Paolo Marcheschi e del coordinatore toscano Francesco Torselli. Oltre a loro, sempre a sostegno di Alessandro Draghi, anche i candidati al Parlamento Europeo, tra i quali spiccano i nomi del sindaco di Aberone Diego Petrucci e dell’ex portavoce di Assidea - l’associazione degli ambulanti “No Bolkestein” - Alessio Pestelli. Ospite d’eccezione, anche in questo caso, il candidato sindaco Ubaldo Bocci.

Il candidato sindaco Dario Nardella chiuderà la campagna elettorale per le amministrative 2019 venerdì 24 maggio in piazza Berlinguer (davanti al Nelson Mandela Forum). L’appuntamento è dalle ore 20. Una piazza lontana dal centro storico di Firenze che riporta i Quartieri ad essere protagonisti della vita politica cittadina. L’intitolazione ad Enrico Berlinguer è stata annunciata da Nardella nel corso della campagna elettorale del 2014, ed è stata realizzata pochi mesi dopo essere stato eletto sindaco, alla presenza dei familiari di una delle figure più importanti della storia della sinistra italiana. Il palco sarà rivolto verso un altro luogo simbolo della città, il Nelson Memorial, posto all’ingresso del Mandela Forum: inaugurata il 14 febbraio 2018 da Dario Nardella insieme a Ndileka Mandela, nipote di ‘Madiba’, la riproduzione della cella di Robben Island - dove l’ex presidente del Sudafrica è stato chiuso per 18 anni - vuole rappresentare i principi per i quali Mandela si è battuto per tutta la sua vita. Pace, libertà, fratellanza tra popoli, gli stessi che rendono Firenze una città aperta al mondo.

"Altre parole per Firenze"; è il titolo dell'iniziativa per la serata di chiusura della campagna della lista Firenze Città Aperta, a sostegno di Antonella Bundu, che vedrà sfidarsi sul palco del Teatro in via San Bartolo a Cintoia 13 volti noti, della politica nazionale e regionale, del sociale, della cultura in genere. Sono Simone Siliani, (condirettore Testimonianze) Filippo Fossati (ex Parlamentare) Francesca Di Marco (fondatrice Collettivo 8 marzo) Ugo Biggeri (presidente Banca Etica) Tommaso Grassi (candidato Europee Sinistra) Stefano Cecchi (sindacalista Usb) Alessandro Orsetti (padre di Lorenzo) Rosaria Bortolone (Libertà e Giustizia) , Franco Farina (dirigente scolastico), Riccardo Chiari (de Il Manifesto) John Gilbert (Cgil Università Firenze) Leonardo Baglioni (architetto) Monica Sgherri (ex Consigliera Regionale). Ognuno avrà una parola significativa, una parola che illumini su un tema, da trattare. E' un evento che la lista Firenze Città Aperta aveva già organizzato a marzo, e che ora ripete mettendo appunto insieme queste personalità per l'appello al voto finale. La serata sarà accompagnato dall'associazione Altroteatro con alcune canzoni tratte dallo spettacolo "Come una specie di sorriso". A seguire, gran cena di fine campagna. Ovviamente presente la candidata Antonella Bundu.

Redazione Nove da Firenze