Firenze Card, scatta l'aumento: costerà 85 Euro

Modificata la convenzione che ne regola le condizioni dopo l'aumento del biglietto agli Uffizi


 Ne sono state vendute 121.758 nell'anno 2017. Costava 72 Euro per 72 ore di validità, passa ad 85 Euro, sempre per 72 ore di validità. La nuova tariffa sarà valida fino a febbraio 2019; poi potrà subire ulteriori variazioni.
Perché l'aumento? "Perché alcuni musei hanno aumentato i costi di ingresso" fa sapere la Città Metropolitana.

 La Firenze Card sarà posta in vendita al prezzo unitario di 85,00 Euro e non più 72 e avrà validità di 72 ore a partire dal suo primo utilizzo, dal primo giugno prossimo.

La modifica alla convenzione è stata illustrata al Consiglio della Città Metropolitana di Firenze dal consigliere delegato Massimiliano Pescini. La consigliera Stefania Collesei (del gruppo Articolo 1 Mdp) ha espresso "disappunto per il comportamento deciso unilateralmente di aumentare il biglietto. E' un atteggiamento che troviamo scorretto".

Saranno contestualmente introdotte alcune novità. Sarà possibile estendere la durata di validità del titolo fino a cinque giorni, anche non consecutivi. In caso di richiesta di prolungamento della Firenze Card, dovrà essere corrisposta un'ulteriore somma di 28,00 euro.
Assieme alla Card musei sarà possibile acquisire la Card+ al prezzo di Euro 5,00, comprendente i prodotti/servizi complementari, rilevante ai fini Iva e avente anch'essa la stessa durata di 72 ore.

Per ogni ingresso a pagamento con la Card, presso i musei convenzionati, viene riconosciuto il 100% del biglietto intero di ingresso (incluse eventuali mostre) alla Galleria dell'Accademia; il 100% del biglietto cumulativo per tutti e tre i circuiti delle Gallerie degli Uffizi, Pitti e Boboli, con durata di tre giorni, che permette l'ingresso con accesso prioritario; il 50% del biglietto intero di ingresso (escluse eventuali mostre e biglietti cumulativi) per tutti gli altri musei statali, per quelli comunali e della Città metropolitana.

Il nuovo prezzo della Card rimarrà invariato fino al 28 febbraio 2019. Successivamente potrà subire le variazioni decise dai promotori del progetto Card, nell'ambito del Comitato per la governance, anche a seguito delle proposte elaborate dal Gruppo di lavoro istituito e incaricato di predisporre e sviluppare, entro il 31 luglio 2018, uno studio per l'ampliamento del progetto Sistema Card, con il Coordinamento del dr. Stefano Casciu Direttore del Polo Museale della Toscana.

All'origine della Firenze Card è la sottoscrizione di un protocollo d'intessa, siglato il 15 marzo 2011 dal Comune di Firenze, la Direzione Regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Toscana, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Firenze, la Provincia di Firenze e la Camera di Commercio.

La Card musei di Firenze è operativa dal 25 marzo 2011 e la quantità delle Card vendute nel tempo è significativamente cresciuta, fino ad un totale di 121.758 nell'anno 2017, così come il numero dei musei aderenti al progetto si è ampliato, raggiungendo gli attuali 72; nel corso degli anni alcuni musei hanno incrementato le loro tariffe, con aumento dei costi gestionali, e conseguenti adeguamenti del prezzo del titolo per l'accesso.

Redazione Nove da Firenze