Fiorentina-Benevento in diretta su Dazn domenica 22 novembre

Calcio d'inizio ale 12,30. Oggi "Uccellino" Kurt Hamrin compie 86 anni


Kurt Hamrin oggi compie 86 anni. Soprannominato ‘Uccellino’ è nato a Stoccolma il 19 novembre 1934. Attaccante sopraffino, con i suoi gol ha scritto pagine indelebili della storia viola. Con oltre duecento reti è tra i marcatori più prolifici di sempre della Fiorentina. Un'ala destra elegante e micidiale col vizio del gol facile. Veloce e con una fantasia di gioco fuori dal comune. Metteva in difficoltà gli avversari con i suoi dribbling stretti e le sue progressioni verso la porta avversaria. Arriva alla Fiorentina nel 1958 per ereditare la pesante maglia di Julinho, che aveva fatto sognare e vincere i tifosi viola. Una sfida che l’attaccante svedese raccolse, perché con lui la Fiorentina si aggiudica la Coppa Italia nel 1961 e 1966, la Coppa delle Coppe nel 1960-61, la Coppa delle Alpi nel 1961 e la Mitropa Cup nel 1965-66. Gli manca solo lo scudetto, con la squadra viola ottiene due secondi posti. Tante le sue gare da ricordare, una su tutte quella del 2 febbraio 1964 quando a Bergamo in Atalanta-Fiorentina i viola vinsero la partita per 7-1 grazie anche alla cinquina di gol di Hamrin, un record ancora imbattuto per reti segnate da un giocatore in una gara in trasferta.

Intanto la squadra di Prandelli si avvicina all'impegno casalingo contro il Benevento, domenica 22 novembre alle 12,30.

  • La Fiorentina ha vinto entrambi i precedenti in Serie A contro il Benevento con un punteggio complessivo di 4-0: quella Viola è una delle tre formazioni incontrate almeno due volte nel massimo campionato contro cui i campani non hanno trovato il gol (assieme a Torino e Atalanta).
  • Nelle ultime tre stagioni (dal 2018/19), la Fiorentina ha perso sei delle 13 sfide contro squadre neopromosse in Serie A (2V, 5N): nel periodo solo la SPAL ha collezionato più sconfitte contro formazioni provenienti dalla Serie B (sette).
  • La Fiorentina non segna da 219 minuti in Serie A: non dovesse trovare la rete in questo incontro, il digiuno si estenderebbe a 309 minuti, diventando la peggior striscia dei Viola da agosto 2019 (543’), in quello che fu il digiuno più lungo della squadra nella competizione.
  • La Fiorentina ha vinto quattro delle ultime cinque gare casalinghe di Serie A (1P), tanti successi quanti quelli ottenuti nelle precedenti 32 (17N, 11P).
  • Il Benevento ha perso le ultime quattro partite di Serie A: dopo essere stato sconfitto nelle prime 14 gare nella competizione nel 2017, i campani non hanno mai più registrato una serie di cinque sconfitte di fila nel massimo campionato.
  • Il Benevento è la squadra che ha incassato più reti in questo campionato dall’interno dell’area di rigore (18); dall’altra parte tutti i 10 gol realizzati dalla Fiorentina sono arrivati da dentro l’area.
  • Cesare Prandelli torna sulla panchina della Fiorentina dopo 3843 giorni dalla sua ultima partita in Serie A con i Viola, che risale a maggio 2010 contro il Bari (sconfitta per 0-2).
  • Il centrocampista della Fiorentina Gaetano Castrovilli ha portato cinque punti alla propria squadra grazie alle sue quattro reti, solo Zlatan Ibrahimovic con nove punti portati grazie ad otto gol ha fatto meglio nel campionato in corso.
  • Iago Falque del Benevento, un gol contro la Fiorentina in Serie A nell’ottobre 2016, non trova le rete in campionato da nove presenze: solo una volta è rimasto a secco per almeno 10 partite nella competizione (11, tra settembre e dicembre 2015 con la Roma).

Successivamente ha giocato nel Milan, nel Napoli e nell’Ik Stoccolma. Nel 1958 con la Svezia arriva secondo dietro al Brasile nella Coppa del Mondo. Una volta chiuso col calcio sceglie di vivere a Firenze.

Redazione Nove da Firenze