Festa abusiva in un circolo privato con un centinaio di persone

Oggi una donna ha dato in escandescenze rifiutando l’invito a indossare la mascherina, denunciata per resistenza e minacce. Uil Fpl: "Basta gogna mediatica contro la polizia municipale". Perplessità sulle immagini trasmesse in tv dallo Stadio Franchi


Una festa con un centinaio di persone in un circolo privato. È quanto ha scoperto stanotte la Polizia Municipale. La pattuglia impegnata nei controlli mirati al rispetto delle normative anti contagio del Covid-19 si è resa conto che in un circolo privato in zona Firenze Sud si stava per tenere una festa a invito con numerosi partecipanti. Le agenti hanno quindi chiesto rinforzi alla Centrale Operativa e insieme a una pattuglia dei Carabinieri è stato effettuato un controllo presso il circolo. Sul posto il titolare che è stato sanzionato ai sensi del DPCM sulle norme anticontagio. All’interno del locale, immediatamente chiuso, è stato trovato un centinaio di persone subito allontanate.

Rimanendo sui controlli mirati al rispetto delle norme anti contagio oggi pomeriggio una pattuglia della Polizia Municipale in servizio in piazza della Repubblica ha notato una donna senza mascherina. Gli agenti si sono avvicinati invitandola a indossare il dispositivo di protezione individuale ma la donna, per tutta risposta, ha iniziato a dare in escandescenze e si è rifiutata di fornire le generalità. La donna è stata denunciata per resistenza a pubblico ufficiale, minacce e rifiuto di generalità.

“Siamo in un momento critico con una diffusione esponenziale del contagio e per questo è necessario rispettare le regole - sottolinea l’assessore alla Polizia Municipale Stefano Giorgetti -. Ringrazio gli agenti per il loro impegno nel far rispettare le norme perché, specialmente adesso, chi viola le regole, per esempio non indossando la mascherina, rappresenta un pericolo per gli altri”.

"La gogna mediatica che la Polizia Municipale di Firenze sta subendo in queste ore su tutti i social media in seguito ai fatti accaduti oggi pomeriggio in centro è veramente vergognosa. Come sindacato ci auguriamo che il Comando usi tutte le proprie risorse per denunciare e perseguire le centinaia di persone che stanno gettando fango sulla divisa che con fatica e coraggio difendiamo tutti i giorni -interviene Flavio Gambini, Segretario Generale Aggiunto Uil Fpl Firenze- Stesso appello lo giriamo all'amministrazione comunale al fine di tutelare i propri dipendenti. Chiediamo come sempre maggior sicurezza per gli operatori in quella situazione le mascherine fpp2 avrebbero garantito una maggior sicurezza agli operatori intervenuti. Chiediamo in questa situazione di profondo disagio sociale (vedi i recenti fatti di Napoli e Roma) un'attenzione maggiore da parte del comando nello strutturare servizi con un occhio rivolto alla sicurezza generale di tutto il corpo della polizia municipale".

Ma c'è chi si domanda se le leggi siano state rispettate anche allo Stadio Franchi, dove è in corso la partita Fiorentina-Udinese, valevole per il campionato di Calcio Serie A. Stando alle immagini tv, sorge il dubbio che siano tutti congiunti gli spettatori assiepati in tribuna. 1.000 persone in uno stadio da 40.000 hanno davvero bisogno di sedersi così vicine? Che indicazioni hanno rivolto loro i responsabili della Fiorentina? Allo stadio non sono presenti forze dell’ordine, o amministratori pubblici?

Redazione Nove da Firenze