Esposto ambientalista per la cattiva gestione dei corsi d’acqua in Toscana

La Regione non teme: "Lavoriamo per la sicurezza dei cittadini e dell'ambiente"


FIRENZE– Le associazioni ambientaliste Lipu, Wwf, Italia Nostra, GrIG e ISDE hanno presentato un esposto alle procure toscane, ai ministeri competenti ed ai Carabinieri forestali in merito alla gestione non sostenibile dei corsi d'acqua in Toscana. Nell’esposto le associazioni diffidano la Regione Toscana dall’autorizzare gli enti delegati come i Consorzi di bonifica e amministrazioni provinciali, a procedere con il taglio o lo sfalcio di alberi e altra vegetazione ripariale nel periodo riproduttivo dell’avifauna selvatica (marzo-luglio) e dall’effettuare qualsiasi attività inibita dalla normativa nazionale e regionale. I fiumi - ricordano le associazioni - sono elementi fondamentali del territorio e devono assicurare una buona qualità delle acque; essi caratterizzano il paesaggio e sono ricchi di biodiversità. Come è stato ribadito dagli accademici delle università al convegno "Fiumi e Natura" svolto lo scorso 5 aprile a Firenze, il rischio idraulico può essere gestito contestualizzandolo a ogni tratto fluviale, e deve considerare sia gli aspetti di sicurezza idrogeologica che la tutela degli ecosistemi. In tutto questo, la vegetazione ripariale, che svolge un ruolo importante limitando l’erosione e rallentando la corrente dei corsi d’acqua, va gestita adeguatamente. Le associazioni rilevano invece come negli ultimi anni gli enti gestori attuino interventi invasivi su ampia scala, con il taglio completo di alberi, anche ad alto fusto, ed altre piante, e che le normative vigenti e le linee guida non vengano rispettate. Peraltro la Regione Toscana è inadempiente anche nel rispetto della tempistica con cui dovevano essere emanate le “direttive per la conservazione e la protezione dell’ecosistema toscano nell'ambito della progettazione ed esecuzione degli interventi di manutenzione e messa in sicurezza dei corsi d'acqua” previste dall’art. 32 della Legge regionale 70/2018. Tali interventi sono condotti con macchinari che trinciano tutta la vegetazione e con essa qualsiasi forma di vita animale e vegetale, anche nelle epoche più delicate quali la nidificazione primaverile dell'avifauna. Per questo all'esposto è stato allegato il parere tecnico di Ispra (istituto del ministero Ambiente) che sottolinea il pesante impatto sulla biodiversità di queste pratiche. Una conferma ulteriore viene dai censimenti ornitologici effettuati in questi giorni sull'Arno a Firenze, dove nel tratto tra la passerella dell'Isolotto e l'Indiano non è stata rilevata la presenza della Gallinella d’acqua, dell’Usignolo di fiume ed altre specie che tipicamente dovrebbero nidificare in questo habitat.

Con il distorto approccio del “fiume pulito” dalla vegetazione, la quale non è un rifiuto al contrario di plastica e vetro, che vengono lasciati a terra e ulteriormente sminuzzati – dichiarano le associazioni - si rischia di stravolgere il paesaggio toscano, senza apportare miglioramenti concreti alla sicurezza dei cittadini, come hanno dimostrato gli ultimi e tragici eventi alluvionali, che però al momento sembra abbiano insegnato poco o niente su come dovrebbe essere mantenuto il territorio”.

Le associazioni ambientaliste chiedono pertanto l'intervento dell’Autorità giudiziaria, affinché la gestione dei corsi d'acqua segua i dettami scientifici e le buone pratiche tecniche, nel comune interesse dei cittadini e dell'ambiente, escludendo il periodo marzo-giugno in cui è massimo il danno all’avifauna nidificante e, inoltre, con una gestione oculata della vegetazione da effettuarsi, laddove necessario, con tagli selettivi e diradamenti mirati.

La Regione non teme alcun esposto perché tutti gli interventi di pulizia e messa in sicurezza di fiumi e corsi d'acqua minori vengono fatti a regola d'arte, anche dal punto di vista della tutela dell'habitat riproduttivo dell'avifauna. Il presidente della Toscana commenta così la notizia dell'esposto presentato da alcune associazioni ambientaliste sulla gestione dei corsi d'acqua, in particolare per i possibili effetti delle attività di sfalcio sulla nidificazione. Quello che preoccuperebbe, prosegue il presidente, sarebbero piuttosto gli esposti dei cittadini in caso di alluvioni provocate, o amplificate nei loro disastrosi effetti, dalla mancata pulizia degli alvei dei fiumi. Nessuna tentennamento quindi, conclude il presidente, la Regione continuerà a lavorare per la sicurezza dei cittadini e del territorio, compresa la sua fauna, convinta delle sue buone e forti ragioni.

Redazione Nove da Firenze