Duccio Dini: la destra contro la scarcerazione di uno dei responsabili

Reazioni da Firenze sino a livello nazionale


"Apprendo con sconcerto della scarcerazione di uno dei Rom responsabili della morte del 29enne Duccio. Dopo soli due mesi di carcere ha potuto festeggiare Ferragosto in famiglia come se nulla fosse. Vale cosi' poco la vita di un italiano? Sono veramente schifata!" scrive su Twitter il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

"La morte di Duccio Dini è una ferita profondissima per Firenze, le modalità in cui il suo omicidio è avvenuto sono un motivo di rabbia ed un tormento per le persone di coscienza di ogni dove. La giustizia in questo caso non è soltanto doverosa, è sacrosanta. Pensare che anche solo uno dei responsabili venga scarcerato è un terribile affronto alla sofferenza che quotidianamente vivono amici, parenti e tutte le persone che hanno dimostrato in questi mesi la loro solidarietà e la loro rabbia per questa morte iniqua". Dichiarano il segretario provinciale della Lega Alessandro Scipioni e quello regionale dei giovani Federico Bussolin. " Bisogna lottare per non far calare l'attenzione su questa vicenda e pretendere una giustizia rapida ed una pena certa. A Duccio è stata tolta la vita inappellabilmente dal gesto criminale e folle di questi balordi; lo stato non può ridargli la vita, ma sicuramente ha il dovere morale di assicurarsi che i colpevoli paghino. Finché anche l'ultimo dei responsabili non avrà adeguatamente pagato la sua colpa lo stupro nella coscienza subito da Firenze continuerà a far male quotidianamente alla nostra comunità".

Redazione Nove da Firenze