Droga interrata alle Cascine: i barattoli sotto le foglie, nel parco di Firenze

Controllo straordinario del Parco delle Cascine, finalizzato alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti


 I cani antidroga sono riusciti a fiutare la sostanza stupefacente, nonostante il nuovo “modus operandi” utilizzato dagli spacciatori, ossia quello di inserirla in dei barattoli e interrarla a 30-40 centimetri di profondità
 Nel pomeriggio di ieri 3 maggio 2018, i militari della Compagnia Carabinieri di Firenze unitamente a una unità cinofila antidroga del Nucleo Cinofili Carabinieri hanno effettuato un controllo straordinario del Parco delle Cascine, finalizzato alla "prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti da arte di soggetti extracomunitari". 

Nel corso del servizio, controllate 21 persone: "rivenuta e sequestrata sostanza stupefacente, quantificata in grammi 288,5 di “hashish” e grammi 18 di “marijuana”, occultata tra la vegetazione ed interrata".

Contestualmente, venivano denunciati a piede libero:
E.L., cittadino albanese 27enne, pregiudicato, che cercava di sottrarsi al controllo di polizia spintonando i militari operanti e, a seguito di perquisizione, veniva trovato in possesso di grammi 11,5 di “marijuana”; M.D., 27enne e L.J. 18enne, entrambi cittadini del Gambia, risultati irregolari sul territorio nazionale.

I controlli straordinari proseguiranno anche nei prossimi giorni, oltre ai servizi che giornalmente vengono effettuati.   

Redazione Nove da Firenze