Droga a Firenze: spaccio lungo la Tramvia, eroina in bocca

Il giovane era già stato arrestato altre tre volte


I Carabinieri della Compagnia di Firenze-Oltrarno nel corso della giornata di ieri hanno tratto in arresto per il reato di spaccio di sostanza stupefacente, un nigeriano di 23 anni, già noto alle Forze dell’ordine ed arrestato altre tre volte e denunciato una, sempre per il reato di spaccio di stupefacenti.

Nella circostanza il giovane, notato aggirarsi sospettosamente nei pressi della fermata di Porta al Prato, è stato prima seguito lungo viale Fratelli Rosselli e poi, dopo essere stato avvicinato da un giovane italiano, 20enne di Siena, è stato visto cedere a quest’ultimo una dose di eroina già confezionata e cavata dalla bocca, in cambio di una banconota di 10 euro. A quel punto i militari, poco distanti e ben appostati rispetto al luogo della cessione, sono intervenuti per fermare lo spacciatore e l’acquirente, ricevendo ausilio da una pattuglia della Polizia di Stato che casualmente transitava nei pressi.

Condotti entrambi i fermati nella caserma di via di Scandicci, dopo gli adempimenti di rito, lo spacciatore veniva dichiarato in arresto e trattenuto in cella fino a domattina, momento in cui sarà condotto dinanzi al giudice di viale Guidoni per essere giudicato con il rito direttissimo; mentre l’assuntore acquirente segnalato alla locale Prefettura.

Nel corso della medesima attività di polizia giudiziaria, a seguito di perquisizione operata sulla persona, veniva rinvenuta la somma contante di 100 euro che, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio, era sottoposta a sequestro unitamente allo stupefacente ceduto

Redazione Nove da Firenze