Rubrica — In cucina

Domenica 8 dicembre Luisanna Messeri da Libraccio

Con Angela Simonelli presenta il libro “Le #Stories di Artusi”. Venerdì prossimo a Volterra guida la brigata di cucina delle Cene galeotte in una serata natalizio-artusiana


Sfida dei panettoni nel nome di Pellegrino Artusi domenica 8 dicembre dalla Libreria Libraccio (ore 17.30, via de’ Cerretani 16/R Firenze). Pochi lo sanno ma al papà della cucina italiana è attribuita anche la ricetta del dolce natalizio. Ce lo raccontano Luisanna Messeri e Angela Simonelli, autrici del libro “Le #Stories di Artusi – vita, ricette e miracoli dell’uomo che ha rivoluzionato la cucina italiana” (Giunti Editore). Nel volume che precede di poche settimane il via ai festeggiamenti per i 200 anni dalla nascita dell’Artusi, Messeri e Simonelli raccontano in modo decisamente unconventional l’autore del celebre “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”. La biografia dell’Artusi si intreccia con la storia d’Italia e tra le pieghe del racconto salta fuori anche questa golosa curiosità: la paternità del dolce da sempre simbolo delle feste natalizie meneghine. Artusi era convinto che il suo panettone fosse di gran lunga migliore di quello di Milano. Dalle parole si passerà ai fatti: dopo la presentazione del libro ci sarà un contest natalizio tra il Panettone Marietta dell’Artusi e il tradizionale dolce meneghino. Arbitro e moderatore il giornalista Simone Innocenti. Interverrà la giornalista Raffaella Galamini. Special guest: Tommaso Vatti, maestro di pizza e panettone de “La Pergola” di Radicondoli (Siena). Il pubblico sarà chiamato a giudicare e a decretare il vincitore. Ingresso libero.

Tutto pronto per la nuova edizione delle CENE GALEOTTE, progetto ideato dalla direzione della Casa di Reclusione di Volterra (PI) e realizzato in collaborazione con Unicoop Firenze e la Fondazione Il Cuore Si Scioglie Onlus che dal 2006 fa della struttura toscana non solo un luogo unico di integrazione e solidarietà, ma anche un punto di riferimento per tanti altri istituti italiani che propongono oggi analoghi percorsi rieducativi. A guidare la brigata galeotta nell'ormai consueta anteprima natalizia in programma VENERDI' 13 DICEMBRE -che anticipa il calendario di serate in programma da aprile ad agosto - sarà LUISANNA MESSERI: a caratterizzare la cena sarà la figura del grande gastonomo Pellegrino Artusi, con piatti di ispirazione rigorosamente natalizia tratti dal suo famoso ricettario “La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene”, pubblicato nella sua prima edizione nel 1891 e del quale nel 2020 festeggeremo il 200° compleanno.

Fiorentina purosangue, divisa tra Roma e il suo podere in Toscana in cui si cimenta come coltivatrice diretta, Luisanna Messeri è divenuta nota al grande pubblico grazie ai programmi di cucina – fra cui la seguitissima food comedy “Il Club delle Cuoche” - ideati e condotti su AliceTv prima ed allo sbarco a “La Prova del Cuoco” poi, dove passando da Antonella Clerici ad Elisa Isoardi è ospite fissa. La passione di una vita per la cucina di casa più autentica e la capacità di districarsi con grande naturalezza tra pentole e fornelli - il tutto sempre condito da aneddoti, curiosità, consigli ed una simpatia esplosiva - ne hanno fatto un personaggio amatissimo, ambasciatrice di una tradizione i cui piatti rivivono in ottica moderna con occhio attento al recupero antispreco ed alla stagionalità delle materie prime. Oltre che mattatrice del piccolo schermo, Luisanna Messeri è autrice di numerosi libri di ricette, espressione di una versatilità riconosciuta dall'affetto del pubblico e dai prestigiosi premi ricevuti in Italia e all’estero.

Le Cene Galeotte confermano poi come sempre il loro scopo solidale, con il ricavato di ogni serata (35 euro a persona per i Soci Unicoop Firenze, 45 euro a persona per i non soci) interamente devoluto alla FONDAZIONE IL CUORE SI SCIOGLIE ONLUS per progetti di beneficenza realizzati in collaborazione con il mondo del volontariato laico e cattolico. L'incasso della serata del 13 dicembre sarà per il progetto “NATALE INSIEME” della Fondazione, campagna per la lotta alla povertà il cui obiettivo è garantire insieme alle associazioni di volontariato del territorio un pasto caldo alle persone che in Toscana vivono in condizioni di povertà: il progetto potrà essere sostenuto anche donando alle casse dei supermercati Unicoop almeno 1 euro o 100 punti della Carta Socio. La Fondazione Il Cuore Si Scioglie raddoppierà quanto raccolto.

Novità di questa edizione la partnership con il MOVIMENTO TURISMO DEL VINO TOSCANA, associazione vinicola di riferimento nel panorama regionale le cui aziende – coinvolte nel progetto dalla FISAR Delegazione Storica di Volterra – prenderanno parte alle serate mettendo a disposizione gratuitamente i proprio vini.

Il menu di dicembre sarà accompagnato dalle etichette del PODERE LA REGOLA di Riparbella (PI), pluripremiata azienda toscana che di recente ha inaugurato la nuova cantina “artistica” ecosostenibile alimentata ad energia pulita e che, sin dall’inizio, ha supportato le Cene con i sui vini oggi interamente biologici: un legame forte con il progetto testimoniato anche dal recente ingresso in azienda di uno dei detenuti che stanno seguendo il percorso riabilitativo delle Cene, che nell'ambito del regime di semilibertà passerà a Riparbella un periodo formativo in ambito agricolo.

Redazione Nove da Firenze