Disturbo da gioco d’azzardo, fenomeno in continua evoluzione

Sono 198 gli utenti seguiti dal Ser.d di Prato. Il team dei professionisti sempre vicini ai pazienti anche durante l’emergenza sanitaria


Prato – Il disturbo da gioco d’azzardo (DGA) è un fenomeno in evoluzione e diffuso nella popolazione adulta e nei giovani. Un mondo che cambia continuamente con una consistente varietà e nuove offerte di gioco. Oltre ai classici gratta e vinci, slot machine e lotterie, è sempre più utilizzata la modalità del remote gambling attraverso la rete internet, il telefono fisso o mobile e la Tv digitale che permette di essere sempre “connessi” ed accedere a proposte di gioco on line.

Il gioco d’azzardo può facilmente passare da divertimento saltuario ad essere una vera e propria dipendenza, una malattia con conseguenti danni psicologici, relazionali e socio-economici, tanto che il DGA è definito un disturbo del comportamento, classificato nella categoria delle cosiddette dipendenze senza sostanze.

E’ importante comprendere e non sottovalutare i rischi che possono scaturire dalla ludopatia proprio perché è una patologia e come tutti i disturbi di questa tipologia causa disagio, vergogna, stress e, nei casi più gravi provoca effetti drammatici che si riflettono sulla vita della persona malata, coinvolgono la famiglia e richiedono un percorso di sostegno e cura.

Nei servizi dei Ser.d, un team qualificato di professionisti propone azioni di sostegno e di prevenzione allo scopo di ridurre il numero di giocatori a rischio ed offre assistenza alle persone con dipendenza da gioco d’azzardo.

A Prato, sono 198 le persone seguite dal Ser.d che presentano questa patologia, di queste 13 sono nuovi ingressi registrati nei primi sei mesi del 2020. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria (9 marzo) si è verificato un decremento dell’afflusso e si sono registrati solo due nuovi accessi.

Anche durante il lock down il servizio è stato sempre garantito senza alcuna riduzione oraria. Le prestazioni individuali sono state effettuate attraverso la modalità in presenza o a “distanza” nel rispetto delle norme, dei protocolli e delle linee guida nazionali e regionali. Sono state sospese, sempre nel rispetto delle direttive soltanto le attività di gruppo.

I servizi del Ser.d sono ubicati al Centro Socio Sanitario Giovannini – ingresso D, via Cavour,118 Prato

Per appuntamenti telefonate al numero 0574 807401 dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 10.30 e dalle 12 alle 13. E’ garantito l’anonimato.

Redazione Nove da Firenze