Defibrillatori: la cultura sanitaria si diffonde in Toscana

A Bagno a Ripoli, la Croce Rossa si occuperà della loro manutenzione e gestione. Nuovo servizio di safety car ai Gigli


Sarà la Croce Rossa a occuparsi della gestione e della manutenzione delle 14 apparecchiature salva-vita presenti sul territorio comunale di Bagno a Ripoli. L’associazione di volontariato e il Comune hanno siglato un’intesa della durata di tre anni che coinvolge quattordici DAE dislocati in altrettanti luoghi ed edifici pubblici. La Croce Rossa in base all’intesa avrà il compito di effettuare periodicamente un censimento dei dispositivi, controllare ogni mese l’efficienza dei defibrillatori e di effettuare una volta l’anno una verifica funzionale ed elettrica certificata delle apparecchiature. L’associazione provvederà inoltre a sue spese a sostituire piastre e batteria in caso di necessità ed ogni altro intervento riconducibile all’ordinaria conduzione e manutenzione delle apparecchiature. Per lo svolgimento di queste attività, il Comune si impegna a corrispondere alla CRI un rimborso forfettario. Dieci dei quattordici defibrillatori presenti sul territorio sono stati donati alla comunità proprio dalla Croce Rossa e sono collocati al campo da calcio di Bagno a Ripoli, alla scuola media “Granacci”, alle palestre dell’Isis Gobetti_Volta, al Circolo di Marina di Candeli, alla scuola media “Redi”, alla scuola “E. Agnoletti” del Padule, al giardino “Nano Campeggi” ai Ponti, al Circolo SMS in via Roma e in palazzo comunale. Altri DAE sono stati posizionati da altre associazioni e dall’amministrazione comunale in piazza Peruzzi all’Antella, in piazza Umberto I a Grassina, nell’edificio scolastico e nella palestra della scuola di via Lilliano e Meoli a Grassina.

Il sindaco di Bagno a Ripoli ha dichiarato che grazie a questa intesa i defibrillatori del territorio, in gran parte frutto della generosità delle associazioni e dei cittadini, sono davvero in buone mani. La Croce Rossa si prenderà cura di loro, con un controllo e una manutenzione puntuali che sono importantissimi per apparecchiature come queste, in grado di fare la differenza per la vita delle persone:

"Il DAE è uno strumento salvavita fondamentale nella rianimazione - dice il presidente del Comitato ripolese della Croce Rossa Francesco Pasquinucci -: altrettanto importante è la sua manutenzione al fine di averlo sempre pronto all'uso. Il Centro di Formazione IRC Claudio Evangelisti legato al nostro Comitato dal 2012 ha formato centinaia di persone sulle tecniche rianimazione BLSD su adulti e pazienti pediatrici. Avere sul territorio tanti apparecchi utilizzabili e ben manutenuti aumenterà le possibilità di salvare una persona".

“Hai bisogno di aiuto?” Nessun problema, c’è la GIGLI SAFETY CAR, piccola, efficiente e pronta per ogni evenienza.E’ una autovettura elettrica, ad emissioni zero, facilmente riconoscibile ed individuabile,, grazie alla personalizzazione grafica “GIGLI SAFETY CAR”,che effettua servizio di controllo e pronto intervento nel parcheggio esterno del Centro Commerciale. Condotta da un operatore di portierato con qualifica antincendio e primo soccorso, la vettura arriva con rapidità dove è richiesto l’intervento.Per chiedere l’intervento della GIGLI SAFETY CAR basta chiamare il numero della Sala Controllo 055.8985833. La GIGLI SAFETY CAR al suo interno contiene un kit pronto soccorso, un estintore,un kit segnaletica stradale, un sacco di sorbitene (materiale utilizzabile in caso di perdite di olio o altri liquidi sull’asfalto) e un defibrillatore.Il servizio, oltre ad innalzare ulteriormente il livello di servizio alla clientela del Centro Commerciale, è stato volutamente progettato e realizzato ad impatto zero,in linea con le attività di responsabilità sociale ed ambientale de I GIGLI.La Gigli Safety Car va ad arricchire un parco mezzi zero emissioni già composto da 2 scooter elettrici e due segway per la galleria.L’intero progetto è in collaborazione con Barani Group, società che si occupa del servizio di portierato antincendio de I GIGLI.

“Il nuovo servizio di sicurezza dedicato al parcheggio, da qui il nome un pò giocoso,ma efficace che abbiamo voluto dare di Gigli Safety Car, - spiega Antonino D’Agostino direttore Centro Commerciale I GIGLI - nasce dall'esigenza di fornire ai clienti un supporto tangibile dedicato al primo soccorso, sicurezza antincendio e assistenza stradale, non sempre prerogativa di strutture commerciali simili alla nostra, probabilmente si tratta del primo caso a livello nazionale. Importante anche la partnership con la società Barani Group che ci ha supportato nel dare un'impronta green a tutto il parco veicoli in uso al personale, che sono 100% full electric".

Un nuovo defibrillatore per il PalaMecenate di Arezzo. Ad averlo donarlo è l’associazione culturale Pitagora che, impegnata da anni in iniziative di beneficenza a favore del territorio, ha attivato una raccolta di fondi tra i suoi soci con l’obiettivo di concretizzare la donazione di questo importante strumento salvavita per rendere cardiologicamente protetto l’impianto sportivo di viale Mecenate che ospita centinaia di atleti e di studenti. Il defibrillatore automatico, mappato dalla centrale operativa 118, è stato consegnato direttamente alla Volley Arezzo che gestisce il palasport nel corso di una cerimonia alla presenza del dottor Massimo Mandò.

Redazione Nove da Firenze