Danneggia segnaletica nella notte e si dà alla fuga, rintracciato

Via Boccherini: gli agenti della Polizia Municipale si sono avvalsi delle telecamere


Con l’auto urta la segnaletica e perde olio in strada ma non si ferma come previsto in caso di incidenti. La Polizia Municipale però lo rintraccia grazie alle telecamere e per il conducente scattano le multe.

L'intervento della Polizia Municipale risale a ieri mattina. La pattuglia del distaccamento della Fortezza è intervenuta in via Boccherini incrocio via Toselli per un danneggiamento alla segnaletica e olio pericoloso in carreggiata. Dal controllo sul posto gli agenti hanno ricostruito quello che con molta probabilità era accaduto: un veicolo di colore blu (visti i pochi frammenti di carrozzeria rimasti in carreggiata) aveva urtato due parapedonali e una palina della segnaletica verticale perdendo olio in strada e sul marciapiede. 

Dopo aver provveduto alla messa in sicurezza della strada, gli agenti hanno iniziato le indagini e con l’ausilio della Centrale Operativa hanno visionato le immagini delle telecamere sia sul posto sia lungo il percorso tra piazza Puccini e via Baracca alla ricerca del veicolo responsabile. E la ricerca ha dato buoni frutti: sono infatti risaliti a un mezzo blu con fortemente danneggiato nella parte frontale che, intorno alle 3 di notte, ha percorso via Baracca in uscita città.

L’inseguimento virtuale è continuato grazie alle telecamere presenti fino a notare che, all'altezza della rotonda via Baracca viale Gori il veicolo si è immesso in un’area di parcheggio privato. A questo punto la pattuglia si è recata al parcheggio dove ha trovato il veicolo in sosta constatando che si trattava di quello immortalato dalle telecamere.

Per il conducente sono scattate le sanzioni per fuga in caso di incidente (303 euro), danneggiamento di beni pubblici (42 euro) e la velocità irregolare (116 euro con maggiorazione perché in orario notturno e taglio di 5 punti-patente). Una curiosità. Dopo l’incidente il conducente era tornato sul posto a piedi per recuperare tutti i pezzi dell’auto caduti a terra nel tentativo, fallito, di non farsi identificare.

Redazione Nove da Firenze