Covid: focolaio in Mugello

Sette positivi e 176 persone in isolamento a Borgo San Lorenzo. Tutti negativi invece i test sierologici nella movida fiorentina. Complessivamente in Toscana 15 nuovi casi, nessun decesso e tre guarigioni


FOTOGRAFIE — “Sono 9 i casi confermati in provincia di Firenze, di cui 7 in Mugello. Dall’inizio del focolaio sono 176 ad oggi i contatti stretti individuati che sono stati sottoposti a obbligo di quarantena in Mugello. Ma la situazione è sotto controllo e le procedure sanitarie stanno andando spedite”. Lo precisa l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi. “I casi risultati positivi - prosegue Saccardi - sono legati nella maggior parte dei casi a eventi privati e non ai luoghi della movida, motivo che non ci esime dal richiamare ciascuno a tenere comportamenti responsabili e osservare le cautele previste dall’emergenza sanitaria. Un’attenzione particolare si richiede anche a chi rientra dai paesi per i quali sono previsti l’isolamento fiduciario e la sorveglianza sanitaria”.

Positiva infatti la prima sessione di controlli, che i volontari di Pubbliche Assistenze, Misericordie e Croce Rossa hanno effettuato ieri notte in piazza Santo Spirito. Su 120 cittadini che si sono sottoposti volontariamente al test sierologico, il 100% è risultato negativo. I sierologici sono stati eseguiti nell’ambito dell’iniziativa della Regione Toscana, ‘Movida si… cura’ che andrà avanti fino al 26 settembre, ogni fine settimana nei luoghi e nelle piazze toscane dove i giovani si ritrovano. In piazza Santo Spirito è arrivata anche l’assessore regionale Stefania Saccardi, che ha voluto ringraziare i volontari per il lavoro che hanno svolto e svolgeranno nelle prossime settimane.

“Abbiamo incontrato così tanti cittadini e così tanti giovani – ha detto l’assessore alla salute Stefania Saccardi- . Del resto abbiamo organizzato questa iniziativa proprio perché vogliamo intercettare soprattutto questa fascia di popolazione, fare prevenzione e sensibilizzare. L’abbiamo fatto tramite i test come prima cosa ma anche e soprattutto ricordando tutte le cautele da adottare perché l’attenzione verso il Coronavirus deve rimanere alta così come vanno mantenuti i comportamenti di cautela. Le regole anti Covid vanno rispettate ancora: usare la mascherina, mantenere il distanziamento e lavarsi spesso e bene le mani”.

«La cultura della prevenzione – ha detto il presidente di Anpas Toscana, Dimitri Bettini – si fa anche in questo modo. In mezzo a ragazzi e ragazze che a volte sono refrattari ai dispositivi di sicurezza, i volontari delle Pubbliche assistenze toscane, insieme a quelli della Misericordie e della Croce Rossa, sono certamente un esempio. I dati sono stati confortanti, nella serata del primo test a Firenze, tutti coloro che l’hanno sostenuto sono risultati negativi. Segno che dobbiamo andare avanti in questo modo: tenere il distanziamento, indossare la mascherina e curare l’igiene delle mani. Arriverà anche l’autunno, e con l’influenza stagionale ci sarà un nuovo banco di prova. Intanto però avremo più controlli e altro tempo per essere in mezzo alle persone, seminare la cultura della prevenzione».

L’iniziativa anti Covid prevede i sierologici per tutti i giovani che ne faranno richiesta su base volontaria. Chi dovesse risultare positivo al Covid-19, dovrà sottoporsi al tampone molecolare, riceverà l’invito a prendere appuntamento al numero verde della Regione 800.556.060, per verificare se l’infezione è in fase attiva. Sarà anche possibile effettuare alcol test, sempre su richiesta degli interessati. In Santo Spirito era presente con materiale informativo anche il responsabile dell’Alcologia di Careggi, Valentino Patussi.

In Toscana sono 10.430 i casi di positività al Coronavirus, 15 in più rispetto a ieri (tutti identificati in corso di tracciamento), a causa del cluster rilevato a Borgo San Lorenzo. I nuovi casi sono lo 0,14% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,03% e raggiungono quota 8.944 (l’85,8% dei casi totali). I test eseguiti hanno raggiunto quota 410.136, 2.941 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 355, +3,5% rispetto a ieri. Oggi non si registrano nuovi decessi.

I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica bensì in base alla provincia di residenza o domicilio. Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 3.259 i casi complessivi ad oggi a Firenze (9 in più rispetto a ieri), 554 a Prato (2 in più), 755 a Pistoia (1 in più), 1.056 a Massa, 1.377 a Lucca (1 in più), 946 a Pisa (2 in più), 484 a Livorno, 691 ad Arezzo, 429 a Siena, 408 a Grosseto. Sono 471 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. 12 in più quindi i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 3 nella Nord Ovest, 0 nella Sud est. La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 280 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 407 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 542 casi x100.000 abitanti, Lucca con 355, Firenze con 322, la più bassa Livorno con 145.

Complessivamente, 342 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (12 in più rispetto a ieri, più 3,6%). Sono 1.061 (più 79 rispetto a ieri, più 8,0%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 701, Nord Ovest 273, Sud Est 87). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 13 (stabili rispetto a ieri), nessuno in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite sono 8.944 (3 in più rispetto a ieri, più 0,03%): 141 persone “clinicamente guarite” (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 8.803 (più 3 rispetto a ieri, più 0,03%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Restano quindi 1.131 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 416 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 173 a Massa Carrara, 143 a Lucca, 90 a Pisa, 61 a Livorno, 50 ad Arezzo, 33 a Siena, 24 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 30,3 x100.000 residenti contro il 58,2 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (88,8 x100.000), Firenze (41,1 x100.000) e Lucca (36,9 x100.000), il più basso a Grosseto (10,8 x100.000).

Questi i dati delle Asl che Saccardi comunica facendo sapere che intanto proseguono le inchieste epidemiologiche. Ieri sono stati eseguiti più di 70 tamponi, altri sono in programma nei prossimi giorni (il drive through di S.Salvi è stato ampliato dalle 8 fino alle 13 ed è completo). Oltre agli operatori dell’Igiene ieri sono intervenute 4 Usca ed hanno visitato e tamponato tutti i bambini e gli educatori del centro estivo di cui fa parte un animatore risultato positivo. Tra i bambini 1 positivo certo, dormiva in camera con l’educatore positivo, ed 1 positivo a bassa carica quindi da confermare. Nei prossimi giorni la campagna "movida sicura" farà tappa in Mugello per rilanciare l'importanza della prevenzione e della responsabilità.

Redazione Nove da Firenze