Coronavirus: Nardella pronto a vietare il jogging all'aperto

Il sindaco a Radio1: "Misura dolorosa ma se serve a salvare le vite sono pronto". In Provincia di Firenze ieri oltre 4mila controlli e 122 denunce


(DIRE) Firenze, 19 mar. - Vietare il jogging "è sicuramente una misura dolorosa. Però se dobbiamo farlo per salvare la vita delle persone e se penso ai 3.000 morti, agli ospedali del nord pieni di persone che combattono tra la vita e la morte, sono anche disposto a fare un sacrificio del genere". Lo sottolinea il sindaco di Firenze Dario Nardella intervenendo a 'Un giorno da pecora', su Radio 1.

Ieri intanto sono stati 4.108 gli spostamenti controllati ieri dalle forze d'ordine nella provincia di Firenze. Un lavoro, come riporta il consueto bollettino della prefettura, che ha portato a 122 denunce.

Da Palazzo Vecchio arrivano anche le cifre dell'attività messa in campo dalla municipale per far rispettare le misure disposte dal governo per contenere il coronavirus. In questi giorni i vigili hanno controllato oltre mille persone e più di 1.700 negozi, esercizi pubblici e mercati, per 17 denunce complessive. Si tratta, spiega Stefano Giorgetti, assessore alla Polizia municipale di Firenze, di "un lavoro duro, difficile e impegnativo soprattutto in questo momento". E ribadisce: "I nostri agenti operano in sicurezza con la dotazione prevista dei dispositivi di protezione individuale, seguendo le indicazioni e disposizioni in materia".

Redazione Nove da Firenze