Coronavirus in Toscana: 59 nuovi casi oggi 8 settembre

Età media 40 anni. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono 83 (3 in meno rispetto a ieri), 9 in terapia intensiva (stabili). Un decesso, 49 guarigioni. Controlli anti-covid: il 15 % della popolazione aretina si già sottoposta al tampone


In Toscana sono 12.558 i casi di positività al Coronavirus, 59 in più rispetto a ieri (22 identificati in corso di tracciamento e 37 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 59 casi odierni è di 40 anni circa (il 22% ha meno di 26 anni, il 31% tra 26 e 40 anni, il 39% tra 41 e 65 anni, l’8% ha più di 65 anni) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 66% è risultato asintomatico, il 32% pauci-sintomatico, il 2% lieve. Delle 59 positività odierne, 6 casi sono ricollegabili a rientri dall'estero. 1 caso è ricollegabile a rientri da altre regioni italiane (1 Sicilia). 2 casi individuati grazie ai controlli attivati nei porti e stazioni con l'ordinanza n. 80 della Regione Toscana. Il 41% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso.

I guariti crescono dello 0,5% e raggiungono quota 9.334 (74,3% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 594.842, 5.824 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 2.079, +0,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 83 (3 in meno rispetto a ieri), di cui 9 in terapia intensiva (stabili). Oggi si registra 1 nuovo decesso: una donna di 86 anni, a Lucca.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 3.833 i casi complessivi ad oggi a Firenze (20 in più rispetto a ieri), 677 a Prato (6 in più), 870 a Pistoia (5 in più), 1.341 a Massa (2 in più), 1.595 a Lucca (6 in più), 1.159 a Pisa (8 in più), 595 a Livorno (2 in più), 908 ad Arezzo (8 in più), 531 a Siena (1 in più), 517 a Grosseto (1 in più). Sono 532 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 31, quindi, i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 18 nella Nord Ovest, 10 nella Sud est. La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 337 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 462 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 688 casi x100.000 abitanti, Lucca con 411, Firenze con 379, la più bassa Livorno con 178.

Complessivamente, 1.996 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (12 in più rispetto a ieri, più 0,6%). Sono 4.060 (73 in meno rispetto a ieri, meno 1,8%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 1.630, Nord Ovest 1.606, Sud Est 824).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 83 (3 in meno rispetto a ieri, meno 3,5%), 9 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite sono 9.334 (49 in più rispetto a ieri, più 0,5%): 196 persone clinicamente guarite (3 in più rispetto a ieri, più 1,6%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 9.138 (46 in più rispetto a ieri, più 0,5%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Oggi si registra un nuovo decesso: una donna di 86 anni. Relativamente alla provincia di notifica, la persona deceduta è a Lucca. Sono 1.145 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 418 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 175 a Massa Carrara, 148 a Lucca, 91 a Pisa, 64 a Livorno, 50 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 30,7 x100.000 residenti contro il 58,9 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (89,8 x100.000), Firenze (41,3 x100.000) e Lucca (38,2 x100.000), il più basso a Grosseto (11,3 x100.000).

"Il dato aggiornato al 6 settembre vede il Laboratorio di Arezzo al terzo posto tra i laboratori pubblici della Toscana dopo Careggi e Pisa, con 52.504 effettuati (significativo anche il totale della USL TSE 123.059) - , dichiara Simona Dei Direttore Sanitario ULS TSE. Se, però, prendiamo in considerazione il periodo che dal 27 agosto arriva al 6 settembre, da quando si è registrato un ritorno di casi positivi, la media giornaliera del Laboratorio di Arezzo è praticamente raddoppiata raggiungendo le 756 unità, arrivando alla cifra di 9.079 tamponi, la più alta in Toscana tra i laboratori pubblici. Dall’11 marzo la media toscana di tamponi giornalieri si è attestata a 165,2, mentre ad Arezzo è di 291,6. Il giorno in cui sono stati processati più tamponi ad Arezzo è il 9 giugno con 1007 persone. Dal 24 marzo in tutta la provincia di Arezzo abbiamo anche attivato la modalità Drive Through per effettuare i tamponi anche con l’auto in sicurezza ed in questo periodo ne sono stati eseguiti 9930 (Arezzo piazzale antistante Stadio 3333, Cortona Valdichiana 1375, Bibbiena - Casentino 1650, Sansepolcro - Valtiberina 1725, Valdarno 1847). Altro punto importante di effettuazione dei tamponi è la stazione FS di Arezzo dove dal 26 agosto è attivo una postazione specifica della USL TSE che, ad oggi, ha effettuato 1250 tamponi

Il nostro obiettivo - afferma Antonio D’Urso DG della USL TSE - è quello di fare dell’ospedale di Arezzo ed anche di quello di Grosseto, due strutture altamente performanti e con servizi di alta professionalità. Per questo abbiamo investito, e lo faremo anche in futuro, sia in ambito tecnologico che sul personale. Ad esempio il Laboratorio Analisi è stato potenziato con nuovi tecnici e biologi che garantiscono una capacità di azione e reazione di alto profilo al servizio. Questo insieme di interventi ci ha consentito di tenere sotto controllo i focolai di contagio e di garantire il normale svolgimento di tutte le attività sanitarie nei i presidi ospedalieri. In vista dell’avvio dell’anno scolastico tutti i laboratori della USL TSE sono stati attrezzati per poter rispondere alla emergenza. Siamo, infatti, in attesa di avere l’ok per far partire i test rapidi per gli alunni ed il personale scolastico.”

Oltre il 90% dei tamponi processati dal Laboratorio di Arezzo ha avuto il risultato entro le 24 ore, il 10% entro le 36 ore, ha dichiarato Agostino Ognibene Direttore del Laboratorio Analisi di Arezzo. I pochi inconvenienti che si sono verificati sono imputabili in gran parte alla difficoltà da parte del paziente nel recuperare l’informazione attraverso il fascicolo sanitario elettronico. Se un paziente risulta positivo viene in ogni caso contattato direttamente entro 24/36 ore. Entro il mese di settembre, inoltre, il Laboratorio del San Donato verrà dotato di nuove tecnologie si analisi che potenzieranno di un terzo le capacità del laboratorio, inoltre ci doteremo di nuovi reattivi che ridurranno i tempi di attesa per le risposte. Tutto ciò farà si che il Laboratorio Analisi del San Donato sarà in grado di rispondere alle necessità della fase 3.”

Redazione Nove da Firenze