"Coronavirus: decine di medici, infermieri e oss contagiati in Toscana"

Il consigliere regionale Roberto Salvini snocciola alcuni dati e propone: «Necessario tutelare al massimo i lavoratori ospedalieri, altrimenti rischiamo di mettere a repentaglio tutto il sistema. Sono d’accordo con la necessità espressa dal presidente Rossi di effettuare uno screening di tutto il personale e sanificare molto di più"


«Sono sempre di più i lavoratori ospedalieri contagiati dal Covid19 – afferma il consigliere regionale Roberto Salvini (Gruppo misto) – È di ieri la notizia di cinque casi tra il personale sanitario di Castel del Piano, ma situazioni analoghe si stanno verificando in tutta la Toscana. Secondo i dati rilasciati a ieri, solo negli ospedali dell’Asl Toscana Centro i contagiati sono tredici, di cui tre a Torregalli, uno a Ponte a Niccheri, uno a Santa Maria Nuova, oltre a cinque a Careggi; altri tredici nell’Aou pisana e quindici nell’Asl Nord Ovest (Pisa, Livorno, Lucca, Massa Carrara); ventuno per l’Asl Sud Est (Arezzo, Grosseto, Siena) e cinque nell’Aou senese. È necessario tutelare al massimo i lavoratori ospedalieri, che sono i primi a essere a rischio contagio. Altrimenti il pericolo è di mettere a repentaglio tutto il sistema ospedaliero. Non solo: se contagiati, possono diventare gli operatori sanitari stessi il principale veicolo di trasmissione del virus. Quindi, oltre a fornire loro tutti i dispositivi utili a proteggersi, sono d’accordo con la necessità espressa dal presidente Rossi di effettuare uno screening di tutto il personale e sanificare molto di più e costantemente tutta la filiera dei luoghi frequentati dai malati, dalle ambulanze fino alle strutture ospedaliere. Non possiamo permetterci di trasformare, loro malgrado, questi lavoratori che tanto si stanno impegnando durante l’emergenza Covid19, da eroi in untori per l’inefficacia della Pubblica Amministrazione».

Redazione Nove da Firenze