Coronavirus: positivo Scaramelli, consiglio regionale sospeso

L'annuncio su Facebook del presidente della Commissione Sanità (Italia Viva). Renzi e Salvini d'accordo: "Tutta l'Italia diventi zona rossa". A Careggi in quarantena 15 tra medici e infermieri a causa di un contatto di natura non professionale ed esterno all'ospedale


La notizia la dà lui stesso con un post su Facebook: Stefano Scaramelli (Italia Viva), consigliere regionale di Italia Viva e presidente della Commissione Sanità, è stato contagiato dal Coronavirus. "I medici - si legge nel post di Scaramelli - mi hanno appena comunicato di essere positivo al #coronavirus. La conferma che non vorresti mai ricevere, che ti porta da subito a infondere coraggio a chi vive al tuo fianco e ti costringe a lottare oggi più di ieri. Una sfida prima di tutto con te stesso che credo nessuno vorrebbe mai condividere pubblicamente, ma che il ruolo pubblico e il senso di responsabilità mi impongono di fare. Una comunicazione pubblica che faccio per rispetto e trasparenza. Per la nostra famiglia, per me, per Francesca e per Maddalena inizia oggi una nuova sfida che ci ha scoperti vulnerabili, ma riscoperti uniti e determinati nell'affrontare il tutto con coraggio e a viso scoperto. Ce la faremo, ne sono sicuro. Ce la faremo stando uniti, supportati dall'allegria e dalla spensieratezza di Lorenzo che al momento sembra resistere essendo immune".

La notizia ha comportato la sospensione del consiglio regionale.

A livello nazionale, Matteo Renzi e Matteo Salvini concordano: "Tutta l'Italia diventi una enorme zona rossa"

Intanto a Careggi è stata disposta la "riorganizzazione delle attività dell’Otorino di Careggi con una rimodulazione per la necessaria quarantena di 15 fra medici e infermieri a causa di un contatto positivo al virus Covid-19. Il contatto è di natura non professionale ed esterno all’Ospedale. Sono garantite comunque le urgenze, le emergenze e gli interventi non differibili".

Lo rende noto la Direzione sanitaria di Careggi precisando che altri 10 dipendenti fra sanitari e amministrativi della Direzione sanitaria sono in quarantena sempre per un contatto esterno non lavorativo.
Sono tutti in buone condizioni e compatibilmente con le funzioni stanno lavorando da casa grazie al nuovo sistema di Smart working già attivo a Careggi.
La Direzione Sanitaria ha già sperimentato, da alcuni giorni, la piattaforma di videoconferenze per le riunioni operative per la gestione, in tempo reale, della riorganizzazione dell’Ospedale per le attuali conduzioni relative all’impegno assistenziale per il virus Covid-19.

E' imminente il rientro dei 23 operatori che a fine febbraio sono stati messi in quarantena precauzionale per un contatto a rischio nel Pronto soccorso di Careggi

Redazione Nove da Firenze