Cinema: a Lucca la masterclass di William Friedkin

Premio alla carriera dell’edizione 2016 del festival


Sarà la lezione di cinema del premio Oscar William Friedkin ad aprire la seconda giornata del Lucca Film Festival e Europa Cinema, lunedì 4 aprile alle ore 11, al cinema Centrale di Lucca (ingresso a pagamento). La masterclass del regista americano, che ha ricevuto il premio alla carriera dell’edizione 2016 del festival, sarà moderata dai gionalisti Daniela Catelli e Gabriele Rizza.

Al cinema Centrale di Lucca la giornata continua alle ore 15 con le proiezioni di “Due occhi diabolici. Fatti nella vita del signor Valdemar” di George Romero (Stati Uniti, 1990) e alle ore 16.30 di “Killer Joe” di William Friedkin (Stati Uniti, 2012), l’ultimo capolavoro del regista americano. Due le prime visioni in programma per il Concorso internazionale di lungometraggi: si comincia alle 18.30 con l’anteprima italiana di El Apóstata” di Federico Veiroj, la vicenda applaudita a Toronto di un uomo che decide di affrancarsi dalla fede cattolica (sarà presente Alavaro Ogalla, sceneggiatore e interprete del film). Alle 21 proseguel’omaggio a George Romero con la proiezione del film “Monkey shines” (Stati Uniti, 1988). Chiude la seconda giornata alle ore 23 il film “Diamant Noir” di Arthur Harari. All’Auditorium Vincenzo Da Massa e Carrara la giornata si apre alle ore 11, con “Pascoli a Barga” di Stefano Lodovichi (Italia, 2012), con introduzione e question time post proiezione insieme al presidente della Fondazione Pascoli, Alessandro Adami e il compositore delle musiche, Giorgio Lazzarini. All’auditorium il cartellone pomeridiano prevede alle ore 15 “Operazione ricchezza” di Gualtiero Jacopetti (Italia, 1983), con la partecipazione di Oscaldo Ceccarelli, presidente della Fondazione Ing. Benvenuto Barsanti. Alle ore 17 “Cronache dei morti viventi”, di George Romero (Stati Uniti, 2007). Chiude la giornata “Mondo candido”, di Gualtiero Jacopetti, Franco Prosperi (Italia, 1975), alle ore 21, introdotto dalla produttrice Sandra Zingarelli.

A Viareggio la giornata si apre alle ore 15 al cinema Centrale con la prima visione in anteprima italiana di “What we become”, di Bo Mikkelsen (Danimarca, 2015), terrificante cronaca di un’epidemia zombie, in competizione per il contest dedicato ai lungometraggi. Segue alle ore 17 “I pugni in tasca” di Marco Bellocchio (Italia, 1965), nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna. Chiude il film di Bellocchio “Diavolo in corpo” (Italia-Francia, 1986), alle ore 18.30.

Redazione Nove da Firenze