Rubrica — LifeStyle

Chirurgia plastica: cinesi a lezione di bellezza dai professionisti italiani

Al via dal 23 al 25 marzo al Palazzo degli Affari il 6° congresso dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica 


 I migliori chirurghi estetici italiani e stranieri, ma anche una delegazione di cinesi. Si preannuncia ricco di novità il 6° Congresso dell’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) che si svolgerà, per il terzo anno consecutivo, al Palazzo degli Affari dal 23 al 25 marzo. Attesi oltre 300 chirurghi plastici, fra i quali i più quotati specialisti mondiali e, new entry, una delegazione proveniente dalla Cina, paese che in questi ultimi anni si sta avvicinando sempre più al mondo dell'estetica e della bellezza. 

Nella tre giorni dedicata alla chirurgia estetica si affronteranno alcuni dei trend del momento, in particolare: medicina rigenerativa; addominoplastica, dalle problematiche del post parto al rimodellamento dell’ombelico; lifting per l’interno cosce; nuove protesi per il seno; lipolisi e tecniche per eliminare il grasso in eccesso; rinoplastica secondaria. In alcune sessioni specifiche saranno presenti ospiti internazionali e associazioni di settore per approfondire al meglio alcuni tematiche. Quest’anno interverranno la neonata Associazione Diastasi Italia ODV e l’Associazione italiana di chirurgia estetica e funzionale della faccia (Aiceff).

Sono previste poi due tavole rotonde: una per discutere della controversa applicazione dell’IVA alle prestazioni di chirurgia estetica, grazie all’intervento di professori ordinari ed esperti di diritto tributario e una sul consenso informato dopo le nuove norme di giurisprudenza con magistrati, avvocati e medici legali.

Redazione Nove da Firenze