Troppo caldo, la Regione fa scattare l'emergenza negli ospedali

Troppo caldo, anziani a rischio (Foto Dire)

Anziani a rischio, chiesti il rafforzamento della presenza dei medici nel week end e la garanzia di dimissioni 7 giorni su 7. Domani e mercoledì però è prevista una tregua: temperatura più bassa e pioggia. Per la Romagna Toscana possibilità di temporali forti: codice giallo per rischio idrogeologico


(DIRE) Firenze, 8 lug. - Troppo caldo e rischio di disidratazione. In Toscana scattano i piani di emergenza degli ospedali e delle aziende sanitarie rivolti ad anziani e pazienti affetti da patologie croniche. Tre sono le indicazioni messe in pista dalla Regione. Sul piano strettamente ospedaliero viene chiesto alle aziende sanitarie di garantire le dimissioni 7 giorni su 7 con un rafforzamento della presenza di medici nel week-end e in alcune ore della giornata.

Inoltre le aziende devono valutare l'opportunità di attivare accordi a livello locale per ottenere in alcune fasce orarie automezzi aggiuntivi utili al trasferimento tempestivo dei pazienti dimessi. 

Per contenere il numero di eccessi ripetuti al pronto soccorso, specialmente da parte degli anziani, viene vagliata la possibilità di stipulare contratti di pronta disponibilità per infermieri di famiglia e di comunità.

L'attività di prevenzione, inoltre, passa anche dal numero verde del Centro di ascolto regionale, che dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15 fornisce informazioni sugli accorgimenti utili da adottare contro il caldo e sulla rimodulazione delle terapie, col coinvolgimento dei medici di famiglia, per chi soffre di una malattia cronica.

(Cap/ Dire)

Per domani e mercoledì comunque il caldo dovrebbe una temporanea tregua, con temperature massime che potrebbero scendere anche di 8-10 gradi e possibili precipitazioni.

La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala un codice giallo per rischio idrogeologico nel reticolo minore e temporali forti nella zona Romagna Toscana, per la giornata di martedì 9 luglio. Possibilità di forti temporali a carattere sparso sull'Appennino settentrionale associati a colpi di vento e grandinate.

Redazione Nove da Firenze