Rubrica — Editoria Toscana

Boccaccio: l’Oranona offre le sue novelle per trascorrere il tempo in casa

Per riflettere con leggerezza in tempo di Coronavirus online i video registrati a Casa Boccaccio. L’allegria di Masetto da Lamporecchio per “sollevarsi” dall’ansia


VIDEO — CERTALDO (FIRENZE) – In questi giorni di lotta al Coronavirus e di movimenti limitati all’insegna di #iorestoacasa, Boccaccio e il suo "Decameron" – la cui cornice è ambientata durante la peste che colpì Firenze nel 1348 – sono stati presi in prestito da diverse associazioni, come da prestigiose istituzioni culturali, per dare visibilità ad iniziative nate per dare conforto artistico e intellettuale alle persone che devono stare in casa.

In questo contesto, non poteva mancare la voce dell'Oranona Teatro - Associazione Polis, che da oltre 10 anni nella Casa di Boccaccio a Certaldo legge, ogni secondo venerdì del mese, le novelle del Decameron in forma integrale. Novelle che nel corso degli anni sono state registrate, sia in audio che in video, e che vengono ora riproposte.

“L'Oranona resiste al Coronavirus e lo fa pubblicando le videoriprese di alcune delle letture fatte in questi anni – dicono attori e regista – ogni tre giorni, e fino a quando non potremmo tornare a fare teatro dal vivo, pubblicheremo una delle nostre novelle del Decameron, iniziando da Masetto da Lamporecchio”.

Questa la scaletta delle novelle previste per adesso: Giornata III, novella 1 – Masetto da Lamporecchio; Giornata IV, novella 5 – Elisabetta da Messina; Giornata V, novella 6 - – Gian di Procida; Giornata V, novella 8 – Nastagio degli Onesti; Giornata VI, novella 10 – Frate Cipolla; Giornata VI, novella 1 – Madonna Oretta, novella 2 – Cisti fornaio, novella 3 – Monna de’ Pulci; Giornata VI, novella 4 – Chichibio cuoco; Giornata VII, Novella 2 – Peronella e il suo amante; Giornata IX, novella 6 – Due giovani albergano con uno; Giornata IX, novella 10 – Donno Gianni e lo ‘ncantesimo.

L’Oranona Teatro è diretta da Carlo Romiti. Attori e musicisti provengono dai laboratori teatrali e dalla scuola di musica di Associazione Polis. L'Associazione Polis sostiene e promuove “Si racconta le novelle del Boccaccio", con la collaborazione ed il sostegno di Comune di Certaldo ed Ente nazionale Giovanni Boccaccio.

.

Redazione Nove da Firenze