Tra disservizi ed atti vandalici la vita dei pendolari toscani in stazione

Ancora una volta i vandali hanno fatto visita in una delle piccole stazioni di Firenze appena ritinteggiate per la settimana dei Mondiali di Ciclismo 2013


FERROVIE —
"Forse non tutti se ne sono accorti ma Trenitalia è riuscita a creare un altro disservizio per i viaggiatori" denunciano i pendolari toscani - "Dai siti delle Ferrovie è infatti impossibile acquistare un biglietto ferroviario regionale o interregionale se la partenza è superiore di una settimana dalla data in cui vogliamo comprare il titolo di viaggio.

Se per esempio abbiamo bisogno di un biglietto Arezzo-Roma Termini con un convoglio regionale, sulla pagina web dei siti (trenitalia.com e fsitaliane.it) troviamo la stazione e l'orario di partenza, stazione e orario di arrivo, durata del viaggio ma non possiamo acquistare il titolo di viaggio e sapere il costo. Invece si legge "Le soluzioni di viaggio regionali non sono vendibili se la data di partenza è oltre 7 giorni dalla data corrente".
Il biglietto si compra on line anche dopo sette giorni dalla data in cui ci colleghiamo solo se la tratta del convoglio regionale o interregionale è utilizzata anche da un treno AV, (Frecciarossa, Frecciabianca o Frecciargento), InterCity o Euronight. Solo in questo caso è possibile la transazione via internet".

Il Comitato dei pendolari della Val di Chiana "chiede a Trenitalia per quale ragione non è possibile acquistare un biglietto regionale e interregionale on line anche il giorno stesso della partenza. Viene infatti il dubbio che l'azienda ferroviaria stia scoraggiando l'acquisto dei biglietti delle tratte regionali e incoraggiando quelle dei costosi treni AV".

Le questioni per la Faentina sul piatto sono:
- Osservazioni al PRIIM della Regione che colloca la riqualificazione della linea nella Valdisieve, mentre gli accordi 1995/97 per il ಯdisagioರ del passaggio TAV erano per la valle del Mugello da cui poi l'AV è passata. La Provincia si è schierata con noi, in quanto anch'essa firmataria di suddetti accordi ed ignorata nella decisione di ipotesi del PRIIM regionale. Il Pres Barducci ha scritto al Pres. Rossi al fine di un'attivazione di un tavolo tecnico, richiesto più volte anche da voi Consiglieri della
III Commissione. Cominciamo a chiederci se la Provincia ha davvero l'intenzione di
attivarlo.

Nuovi Treni diesel polacchi?
- La gara per l'acquisto dei nuovi 10 treni diesel è ferma. Il grave errore di non inserire mezzi adatti alla ns linea nel Contratto di Servizio 2009/2014 ha fatto della Faentina la peggior linea della regione per anni. Ora sono arrivati dei Minuetti. Ma ci sarà a breve il nuovo Contratto di Servizio e i giornali parlano del TPL su gomma nel Mugello come Lotto debole e di una grande rivoluzione servendo meglio le frazioni ed affidando il trasporto verso la città al treno. Ma molte corse usano
ancora vecchi ALN e i Minuetti nel 2020 saranno fusi. Quali reali prospettive ci sono
per la Faentina?

Smantellamento Scambi sulla linea
E' in atto da tempo il Downsizing, ovvero italianizzando, un ridimensionamento dei costi da parte di RFI. Con i nuovi tagli del Governo, immaginiamo che sia una tendenza veramente
ostinata.
Tuttavia la Faentina ed i Comuni del Mugello, proprio ad onore di quanto concordato e firmato negli anni ಬ90 per il passaggio TAV nella vallata, non aspettano un ridimensionamento ma un potenziamento! Ad avvalere ciò una serie infinita di atti come mozioni e OdG dei comuni del Mugello, vostri della Provincia e anche della Regione Toscana in coppia con l'Emilia Romagna.
Ricordiamo che in questo tempo di crisi, nel Mugello sono stati iscritti nel Patrimonio Unesco ben tre residenze storiche e sempre più forte è l'interesse turistico/economico ad unire Ravenna con Firenze. Smantellando gli scambi, non vorrete mica mettere in attesa i treni dei pendolari a favore di treni danteschi o rinunciare a posti di lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione? Gli accordi non erano per uno sviluppo in cambio del disagio del passaggio TAV?


Nel fine settimana sono state graffitate le pareti del sottopasso a San Marco Vecchio. Rete Ferroviaria Italiana aveva appena completato gli interventi di manutenzione straordinaria in programma nelle stazioni toscane maggiormente interessate dall’incremento dei servizi in occasione dei Mondiali di Ciclismo. RFI ha sporto denuncia contro ignoti.

Redazione Nove da Firenze