E-Pitti.com: a giugno il lancio della nuova versione giapponese

Progetti speciali, anteprime, rientri. Il nuovo progetto di temporary events alla Fortezza


PITTI UOMO — e-Pitti.com torna a giugno con le versioni online di Pitti Uomo 82 e Pitti W 10, da questa edizione anche in giapponese, per facilitare il coinvolgimento dei top buyer dal secondo più importante mercato di riferimento per i saloni. Pensato per tutti i compratori certificati da Pitti Immagine, e-Pitti.com offre loro la possibilità di rivivere online l’esperienza della fiera fisica per un intero mese dalla chiusura dei saloni: visitare gli stand, scoprire nuovi marchi e le tendenze della prossima stagione. E per moltiplicare le opportunità di business, alle versioni virtuali delle fiere si affiancano gli showroom online, marketplace già avviati all’ultima edizione dei saloni, dove i buyer internazionali possono avviare e concludere trattative con gli espositori di e-Pitti.com.

Pitti Uomo e Firenze sono sempre più il punto di riferimento e il contesto privilegiato scelto dalle migliori aziende internazionali per la presentazione dei progetti speciali e delle nuove collezioni, e per il lancio delle strategie globali all’apertura della stagione. E aumentano anche le richieste di realizzare eventi con nuove modalità in Fortezza, attraverso cui intercettare i top buyer e la stampa internazionale. Ecco alcune delle principali novità e anteprime di questa edizione:

_ WP Lavori in Corso che festeggia i suoi 30 anni e presenta la prima collezione realizzata per l’iconico brand Baracuta, nuovo acquisto della sua scuderia;
_ 7 For All Mankind ha scelto Pitti Uomo per presentare in anteprima la sua nuova collezione e il suo mondo;
_ il lancio internazionale del nuovo progetto uomo di Ben Sherman, all’interno di uno spazio speciale in Fortezza: la Cannoniera;
_ G-Star presenta la RAW Denim Dome: una mostra-evento allestita negli spazi della Sala Ottagonale della Fortezza da Basso. Il marchio contemporaneo di denim, metterà in mostra alcuni esempi delle infinite possibilità artigianali della materia prima utilizzata nelle sue collezioni - il RAW denim;
_ negli headquarters di Pitti Immagine, la presentazione della nuova capsule di Dockers ai migliori retailers internazionali;
_ il nuovo ingresso di Yasuhiro Mihara che presenta a Pitti Uomo un progetto dedicato al mondo delle calzature;
_ l’anteprima europea di Deus Ex Machina, marchio australiano di culto per bikers, riders e surfisti;
_ il rientro a Pitti Uomo di Edun, brand eco-fashion creato da Ali Hewson, moglie di Bono Vox;
_ il lancio esclusivo della nuova collezione di Dekker, all’interno di uno spazio autonomo, la Sala dell’Arco;
_ l’importante rientro di Siviglia, che partecipa a Pitti Uomo con il progetto di pantaloni e accessori Siviglia White, la linea cutting edge del marchio, risultato di un biennio di ricerca e sperimentazione sul luxury vintage;
_ il debutto in anteprima mondiale di Hancock, la collezione disegnata da Timothy Everest;
_ il rientro di un marchio prestigioso come Pirelli PZero, con uno spazio importante in Fortezza;
_ la presentazione della linea premium di calzature uomo firmate Cesare Paciotti.


Alternative Set è il nuovo progetto di Pitti Uomo 82 e Pitti W n.10
Dopo il successo di alcuni esperimenti durante le edizioni passate, Pitti Immagine lancia un programma di temporary events e installazioni all’interno della Fortezza da Basso e della Dogana realizzati da un numero selezionato di brand. Saranno progetti originali, dedicati a presentare - fuori dallo stand - un nuovo concept o un focus speciale all’interno delle collezioni. A realizzarli saranno un numero selezionato di designer che fanno ricerca e giovani talenti, alcuni dei quali emersi sulla scena internazionale proprio grazie alle ultime edizioni di Pitti Uomo. L’inedito display sarà formato da una serie di spazi particolari – al chiuso e all’aperto – della Fortezza da Basso.

“Di luoghi come questi ce ne sono moltissimi in Fortezza e in Dogana – dice Agostino Poletto, vice direttore generale di Pitti Immagine - spesso inconsueti, tutti sempre molto frequentati durante le giornate di manifestazione, che però non sono mai stati utilizzati prima d’ora come set per performance di questo tipo. Alle fiere di Pitti non mancano certo occasioni di animazione della vita del salone, ma questi saranno momenti speciali: non solo perché non si svolgeranno come da tradizione all’interno degli stand, ma perché sperimenteranno nuove modalità di comunicazione e promozione di sé: veloci, incisive, capaci di sorprendere e di approfittare creativamente anche delle nuove tecnologie. Un modo nuovo per raccontare e mettere in scena la qualità e la ricerca del prodotto moda”. Tra i brand coinvolti in Alternative Set a questa edizione ci sono: 10 A, Alexis Mabille, Camo, Emiliano Rinaldi, Free City, Phonz Says Black, Pierre Louis Mascia.

Redazione Nove da Firenze