Ataf: il biglietto aumenta e l' autobus circola vuoto

Quaranta minuti di attesa per la Linea 14, definita ad alta densità e frequenza. Le vetture arrivano poi tutte insieme


L'aumento del biglietto da 1,20 Euro ad 1,50 Euro è stato giustificato dalla Azienda con la necessità di aumentare la frequenza dei passaggi ed il numero dei mezzi in servizio. Palazzo Vecchio dopo un timido stop iniziale, ha poi chiesto "garanzie" in merito ad alcuni parametri.

Carenze strutturali o mancanza di razionalizzazione? I passeggeri non sono certo addetti ai lavori, ma sono addetti ad essere trasportati ed un breve questionario a bordo produce alcuni frutti: "Un altro 14 ci sta seguendo" borbotta una signora che mostra come dal finestrello posteriore si veda la sagoma del mezzo quasi vuoto, che possiamo agilmente fotografare.
"Uno di nuova generazione è poco distante.. sono tre. Tre dopo un'attesa di 40 minuti. Da ricovero" esclama un anziano. "Gli orari non servono a nulla, ecco perché li hanno sostituiti con il display che arriva ad 1'.. lampeggia.. e se il tram non arriva riparte dal successivo" le paline intelligenti potrebbero risentirne, mortificate nell'orgoglio. 
L'aumento del biglietto servirà per migliorare il servizio. "Viaggia vuoto, l'ultimo viaggia vuoto! Cosa vuoi migliorare?" ribatte con veemenza un utente al quale spieghiamo bene di non rappresentare Ataf.

Il parametro che gli utenti possono valutare ogni giorno è quello della funzionalità. Quaranta minuti di attesa con 4 corse saltate sulla Linea 14 sul viale G.B. Morgagni verso Santa Maria Novella appare un discreto termine di verifica.

Mancano le vetture, mancano gli autisti? Non sembrerebbe. Dopo l'attesa di mezzi ne arrivano ben tre
La vettura 3405 è seguita dalla 3428 e dalla 3479. Mentre il primo mezzo viaggia a pieno carico, il secondo è quasi vuoto ed il terzo circola ad uso esclusivo del conducente.

Davanti a questa scena che gli utenti confermano "avviene spesso" sembrano vacillare le motivazioni dell'azienda in merito alla necessità di aumentare il costo del servizio.
Che fine ha fatto il background aziendale con la cura operata da Filippo Bonaccorsi in merito alla riduzione degli sprechi e la razionalizzazione del servizio?
Forse non era presente nel pacchetto di vendita?

Antonio Lenoci