Asciuti (Lega): "Firenze ricordi i toscani morti a Lepanto contro l'Islam"

Il 7 ottobre 1571 la Battaglia che ha cambiato il corso della storia: vi parteciparono tanti fiorentini e toscani


“La battaglia di Lepanto (07/10/1571) è un evento che ha cambiato la Storia. I nostri antenati vi hanno partecipato con grande convinzione, il sovrano Cosimo I, i nobili, il popolo. Hanno partecipato con i soldi, con le armi, con le loro vite. Hanno combattuto con eroismo, alcuni sono morti. Tanto per fare qualche esempio riferito alle persone qui presenti, se avessero vinto gli islamici, non esisterebbe questo Consiglio Comunale, nessuna donna sarebbe impegnata in politica, tutte le donne sarebbero costrette a vestirsi con il velo". Così il consigliere comunale Andrea Asciuti (Lega Salvini Firenze). Che prosegue: "Ricordare i toscani che hanno combattuto e sono morti a Lepanto è un dovere, un dovere di gratitudine, grazie a loro la nostra storia e le nostre vite hanno avuto uno svolgimento diverso. Una civiltà che non si difende è una civiltà che non crede più in se stessa, è già morta. Impariamo dunque dai nostri antenati, da quelli che hanno reso grande Firenze. Un minuto di riflessione e silenzio - conclude Asciuti - è il minimo che possiamo tributare alla loro grandezza. Invito, infine, questa Assemblea cittadina a ricordare la battaglia di Lepanto e i suoi alti ideali calendarizzando, ogni anno, eventi in suo onore”.

Redazione Nove da Firenze