Arno sotto il livello di guardia: la nottata è passata

La situazione dei fiumi è sotto controllo. Non ci sono strade chiuse al transito. Domenica di grande impegno per la protezione civile e il volontariato


FOTOGRAFIE — FIRENZE - Una notte tranquilla, con le piene dei fiumi che, seppur lentamente, calano in tutta la Regione. E' quanto emerge dal punto effettuato stamattina presso la Sala operativa unificata della Protezione civile toscana. La ricognizione con i territori interessati dal maltempo delle ultime ore ha dato un quadro in via di normalizzazione. Anche in Provincia di Firenze i livelli del reticolo idraulico sono scesi sotto il primo livello di guardia, sull'asta dell'Arno rimane sopra il primo livello di guardia solo l'idrometro di Fucecchio valle che dovrebbe rientrare in tarda mattinata.

A Pisa la situazione è sotto controllo, in nottata nessun problema particolare. La piena dell'Arno sta calando lentamente. Nelle prossime ore, presumibilmente in serata, la situazione rientrerà nella normalità. In provincia riaperti i ponti e la viabilità è tornata alla normalità.

Anche in provincia di Livorno la situazione si sta normalizzando. Nella zona del Cecina la notte è passata senza problemi di rilievo.

In provincia di Lucca situazione sotto controllo, le scuole sono aperte in tutti i comuni.

Il reticolo idrico della Maremma e' stato il primo ier iad entrare in crisi e squadre Racchetta sono state impegnate nella chiusura strade, rimozione detriti e piccoli smottamenti. Il momento piu' delicato, il salvataggio di marito e moglie in dolce attesa bloccati nel sottopasso ferroviario del Chiarone a Capalbio con la loro macchina. Numerose le piante abbattute dalle forte raffiche di scirocco e rimosse con ausilio di motoseghe e apposite squadre anche in zona Grosseto.

Nella Città metropolitana di Firenze la piena sta rientrando sotto il primo livello di guardia. Piccoli smottamenti sugli argini in via di verifica. Nessuna criticità sulla viabilità relativa al maltempo. Gli sfollati di ieri nella zona di Fucecchio rientreranno nelle loro case in mattinata mentre la famiglia sfollata di Signa ha l'abitazione danneggiata e non potrà rientrare in tempi brevi. Al momento è ospitata in albergo. Nelle prossime ore è prevista un'ulteriore attenuazione dei fenomeni con possibili rovesci isolati e cumulati poco significativi. Rimane attivo il monitoraggio dei corsi d'acqua da parte della sala di Piena del Genio Civile e il monitoraggio del territorio da parte della sala di Protezione Civile Metropolitana. Le criticità più importanti sulla viabilità statale, regionale e provinciale sono state risolte e non ci sono strade chiuse al traffico.

Vista situazione di criticità diffusa, si consiglia di mettersi alla guida solo in caso di effettiva necessità e comunque di prestare la massima attenzione negli attraversamenti dei corsi d'acqua e nel transito delle zone depresse (sottopassi stradali, zone di bonifica). Evitare di attraversare le aree allagate anche se apparentemente con poca acqua. Si invitano i cittadini a seguire le indicazioni dell'autorità di protezione civile locale (Comune) e tenersi aggiornati tramite i canali informativi istituzionali.

Redazione Nove da Firenze