Alberi: a Firenze si parla di selezione, cambiamenti climatici ed inquinamento

La Festa dell’Albero è la giornata internazionale dedicata al verde che si celebra ogni anno il 21 novembre


 Istituita ufficialmente in Italia nel 1951, la Festa vuole accendere i riflettori sull’ambiente e sulla promozione della coscienza ecologica, soprattutto nelle nuove generazioni.
A Firenze, dove l'Amministrazione è impegnata su vari fronti, dalle prove di trazione al piano di abbattimento degli esemplari a rischio e ripiantumazione, la Festa si svolge principalmente nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, con la ‘lezione’ di Stefano Mancuso, scienziato di prestigio mondiale, professore all’Università di Firenze, rivolta ai più piccoli.

 Nel pomeriggio previste alcune sessioni tecniche alla presenza, tra gli altri, di Francesco Ferrini, ordinario di arboricultura presso l’Università di Firenze, l’occasione per parlare del progetto LIFE in collaborazione con l’ateneo per selezionare le specie più adatte per resistere ai cambiamenti climatici e per assorbire lo smog.

 Donati 250 alberelli ad altrettanti bambini delle scuole cittadine per dare il via al progetto Young Forest, creata dai bambini delle scuole, che sarà monitorata via app nei mesi prossimi, e una 'Food Forest', ovvero un ‘bosco commestibile’ con piante tipiche a rischio estinzione, che nascerà in primavera tra il Viadotto all’Indiano e la confluenza tra Greve e Arno.

La Giornata è iniziata alle 10, consegnati ai bambini i 250 giovani alberi, alla presenza del promotore, la Water Right Foundation, che nell’occasione fa intervenire Giuseppe Garibaldi, pronipote del celebre eroe risorgimentale che svela un Garibaldi inedito, ovvero quello agricoltore, e che presiede appunto l’associazione Garibaldi Agricoltore che sta raccogliendo fondi per il recupero dell’agrumeto storico del generale a Caprera.
A mezzogiorno la consegna dei premi ‘Festa dell’Albero 2018’ ad associazioni e cittadini che si sono distinti in azioni concrete a sostegno dell’ambiente. 

Redazione Nove da Firenze