Aeroporto di Firenze: al via i lavori per il deflusso controllato delle acque

Gli interventi, della durata prevista di sette mesi, rappresentano opere preparatorie rispetto al futuro Masterplan dello scalo


Alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella, dell’Assessore Regionale alle Infrastrutture Vincenzo Ceccarelli e del Presidente di Toscana Aeroporti Marco Carrai, hanno preso il via i lavori di miglioramento idraulico-ambientale dell’aeroporto di Firenze. Gli interventi rappresentano opere preparatorie ed integrate rispetto al futuro Masterplan e troveranno in esso il loro completamento e la loro ottimizzazione funzionale. Inizia pertanto l'operazione di adeguamento dell'attuale aeroporto rispetto alle previsioni del Masterplan, in modo che il futuro assetto complessivo possa risultare integrato, omogeneo e coerente, in linea anche con gli obiettivi di tutela e sicurezza idraulica.

Fra gli interventi sono comprese azioni volte ad applicare anche allo scalo attuale i presidi ambientali che il Masterplan prevede per la futura infrastruttura, il tutto secondo un'ottica di continuo miglioramento ambientale che Toscana Aeroporti intende concretizzare ed estendere ai due scali aeroportuali che gestisce. 


I lavori, che avranno una durata di 7 mesi, prevedono la realizzazione di vasche di contenimento e, in ottica di tutela dell’ambiente circostante, di impianti di depurazione che consentiranno di reimmettere acqua depurata nei canali di scarico.

“Oggi inauguriamo l’avvio di un intervento particolarmente importante sia per la tutela dell’ambiente sia in ottica strategica poiché già progettato per essere compatibile con la nuova pista dell’aeroporto”, ha commentato il Presidente di Toscana Aeroporti, Marco Carrai

Redazione Nove da Firenze