Abusivismo commerciale: controlli e sequestri in centro storico

Due minimarket in Borgo Ognissanti e via Fiesolana multati dalla Polizia Municipale con una sanzione da € 1.000 per vendita di alcolici fuori orario. Falomi (PD) sulla chiusura del locale di via Delle Porte Nuove: "Tutelati i residenti e garantito il rispetto delle regole"


Continuano i controlli della Polizia Municipale contro il commercio abusivo. Nel fine settimana gli agenti del Reparto Antidegrado sono intervenuti in centro storico, in particolar modo principalmente lungarno Archibusieri, Ponte Vecchio, piazza San Giovanni, piazza del Duomo, via Roma, piazza Sant’Ambrogio. Sono stati 714 gli oggetti sequestrati, in soprattutto libri, stampe, accessori per la telefonia, bigiotteria, occhiali e borse. Gli agenti hanno inoltre denunciato un 26enne senegalese perché molestava insistentemente e disturbava i passanti cercando di vendere loro la merce (braccialetti ed elefantini). Il giovane rischia l'arresto fino a sei mesi o l'ammenda fino a 516 euro.

Continuano i controlli della Polizia Municipale anche per il rispetto del Regolamento Unesco. Venerdì notte una pattuglia del reparto Amministrativo ha effettuato le verifiche sugli esercizi del centro storico. Due i minimarket multati con una sanzione da 1.000 euro per la vendita di bevande alcoliche oltre le 21, rispettivamente in Borgo Ognissanti e in via Fiesolana.

"Mi complimento con tutte le autorità intervenute e con il lavoro del Amministrazione e della Polizia Municipale. Tutelato il diritto dei residenti al riposo e il rispetto delle regole -dichiara il consigliere PD Niccolò Falomi- Da molto tempo i cittadini che abitano in San Jacopino lamentavano schiamazzi notturni, episodi di violenza ed ubriachezza molesta che durante la notte disturbavano e, nei casi peggiori, impedivano il riposo dei residenti anche a tarda notte. Queste segnalazioni riguardavo molto spesso gli avventori del locale di via delle Porte Nuove. A seguito delle segnalazioni ricevute, alcune anche via social, ci sono stati interventi di Polizia municipale e Polizia di Stato che aveva disposto, nel mese di febbraio, la chiusura per quindici giorni del locale di via delle porte nuove. Nei giorni scorsi il Questore ha disposto nuovamente la chiusura per altri trenta giorni del locale. E, a quanto si apprende dalla stampa, sembra che sia stato anche aperto il procedimento per la revoca definitiva della licenza, il che vorrebbe dire chiusura definitiva. Come, peraltro, è stato fatto recentemente in via de' Servi e in via Pandolfini. Se non rispetti le regole e così platealmente, è doveroso che la risposta delle Istituzioni sia netta. Anche per rispetto ai tanti cittadini della zona che hanno diritto al riposo e alla tranquillità".

Redazione Nove da Firenze