Abusivismo commerciale: 100 interventi in pochi giorni

2.600 articoli sequestrati dal Reparto Antidegrado della Polizia Municipale. Due persone denunciate


Quasi 2.600 articoli sequestrati in 104 interventi. È questo il resoconto dell’attività mirata della Polizia Municipale contro l’abusivismo commerciale. Gli agenti del Reparto Antidegrado hanno effettuati interventi in centro, in particolare in via San Giuseppe, via Por Santa Maria, piazza Duomo e via Ricasoli. Per quanto riguarda la merce si tratta per la maggior parte di ombrelli, poncho, bigiotteria e stampe che i venditori hanno abbandonato a terra dandosi alla fuga. Ma cinque sono stati fermati: per tutti è scattata la maximulta da 5.000 euro come previsto legge regionale sul commercio. Due di loro sono stati anche denunciati per la violazione delle norme sull’immigrazione.

"L'abusivismo è stato tollerato per troppi anni a Firenze, ed i grandi sequestri che si cercano di fare in questi giorni, non possono compensare anni di scellerata politica buonista e di eccessiva tolleranza in favore di coloro i quali vendono queste merci contraffatte alla luce del giorno nella nostra città, poiché hanno sempre contato sull'indulgenza nei loro confronti. I venditori di merci contraffatte, sono prolificati proprio perché c'è stata per loro la possibilità di fare affari in piena tranquillità, con misure di controllo del tutto inadeguate ed insufficienti. Oggi si effettuano una serie di sequestri che non compensano tutta la negligenza degli amministratori che hanno consentito di arrivare alla situazione attuale e si viene a riscontrare che spesso i venditori di tali merci sono anche dei clandestini. Chi ha fatto finta di non vedere per tanti anni in spregio alle leggi ed al decoro della città si è assunto una grave responsabilità di fronte ai Fiorentini. L'abusivismo è dilagato in tantissimi settori nella nostra città, dal trasporto alle guide turistiche ai mercatini di merce contraffatta. Ciò ha creato danni incalcolabili per molte aziende che pagano regolarmente le tasse, e per tantissimi commercianti che sono costretti a pagare lauti tributi senza avere in cambio la necessaria tutela da parte di chi avrebbe dovuto difenderli. Proprio la necessità di intervenire con una serie di controlli a tappeto e sequestri sta a dimostrare che quanto la Lega afferma da anni, è diventato improrogabile. Saremo inflessibili nel vigilare perché sia fatto l'interesse dei fiorentini che lavorano onestamente e pagano le tasse"  dichiarano congiuntamente il segretario provinciale della Lega Alessandro Scipioni e il capogruppo a Palazzo Vecchio Federico Bussolin.

Redazione Nove da Firenze