Abusivismo a Pisa: la Finanza all'ombra della Torre

Numerosi gli interventi di sequestro di oggetti contraffatti


Nel corso degli ultimi mesi è proseguito l’impegno della Guardia di Finanza di Pisa a contrasto dell’abusivismo commerciale e della contraffazione. Sono stati oltre 10 gli interventi portati a termine dall’inizio di giugno ad oggi che hanno consentito di colpire ad ogni livello (dai produttori fino ai consumatori) il dannoso fenomeno della contraffazione. Le attività hanno portato alla denuncia di 6 soggetti ed al sequestro di oltre 35.000 accessori e capi d’abbigliamento recanti marchi contraffatti. Nei giorni scorsi era stato altresì rintracciato nei pressi della Stazione Centrale di Pisa un soggetto di origine senegalese, già denunciato dalle fiamme gialle per l’aggressione ai danni dei militari della Guardia di Finanza nel mese agosto 2017. Il soggetto, risultato privo di documenti validi per la permanenza sul territorio italiano, è stato espulso ed accompagnato presso il Centro di permanenza per il rimpatrio di Potenza. Sempre nei giorni scorsi, nel corso di un servizio svolto nel centro storico cittadino, i finanzieri hanno fermato un soggetto intento a vendere occhiali recanti marchi contraffatti. Durante il controllo, il soggetto ha tentato la fuga travolgendo uno dei militari operanti che ha riportato lievi lesioni. L’aggressore è stato prontamente immobilizzato ed arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale ed è stato sottoposto al giudizio per direttissima al termine del quale è stato condannato a 10 mesi di reclusione e 200 euro di multa con pena sospesa.

Redazione Nove da Firenze