Abbandono rifiuti e discariche urbane: la rabbia dei cittadini a Firenze

Oltre alla scarsa vivibilità, i cittadini lamentano un danno d'immagine


 La gestione dei rifiuti nel capoluogo non vive una fase di emergenza, ma il fenomeno dell'abbandono e l'uso improprio delle aree attrezzate alla raccolta contribuiscono a creare una certa apprensione in chi vive alcune aree.
Negli ultimi tempi Palazzo Vecchio ha messo in atto il monitoraggio dei cassonetti con sistemi di videosorveglianza e sono aumentati i controlli che spesso portano ad identificare i colpevoli a seguito di indagini sui rifiuti stessi.
Nonostante questo vi sarebbe una deriva preoccupante nel conferimento dei rifiuti presso i contenitori presenti in strada, la raccolta indifferenziata dilaga e viene spesso attribuita a soggetti terzi, salvo poi rilevare irregolarità da parte di commercianti e residenti di zona oltre ai rifiuti da ristrutturazione edilizia.

Residenti e commercianti di San Jacopino ad esempio si dichiarano "imbufaliti" per la presenza di  discariche urbane nei pressi delle aree che ospitano i cassonetti dei rifiuti.
Chiedono a gran voce telecamere che possano inchiodare chi abbandona i rifiuti e presidi di polizia urbana, oltre ad interventi mirati a tutelare la vivibilità del quartiere.

Dalle numerose segnalazioni lanciate sui Social attraverso fotografie scattate in strada, messaggi inviati sui gruppi whatsapp, passano ad una nota ufficiale alla stampa con l'auspicio che le richieste giungano all'amministrazione.

 Rifiuti ingombranti e non solo "Stamani una scena incredibile davanti agli occhi di tanti cittadini che imbufaliti non riuscivano neanche ad avvicinarsi al cassonetto".
"Siamo impossibilitati a raggiungere i cassonetti data la quantità di materiale anche di tipo elettronico e purtroppo non è la prima volta, anzi è una situazione che si ripete settimanalmente" dichiarano.

"Facciamo di continuo segnalazioni a chi di dovere  - sottolinea Simone Gianfaldoni portavoce della comunità di San Jacopino - per cercare di tenere pulita la zona. Abbiamo richiesto per queste zone franche dove i furbi incivili scaricano di tutto che ci siano controlli della Polizia Municipale e non ultimo l'installazione delle fototrappole, ma ad oggi in via Landini e via Ponte all'asse incrocio viale Redi i cittadini non vedono miglioramenti".

La richiesta "Chiediamo a chi di dovere di attuare qualsiasi intervento atto a migliorare la situazione ad oggi degradante per la nostra zona".

Redazione Nove da Firenze