Lucca ricorda il Risorgimento con poesie e letture


Per un giorno, Lucca torna indietro di 150 anni e celebra gli eventi storici che hanno portato all’Unità d’Italia e alla nascita dello stato nazionale. All’auditorium di San Romano, in piazza San Romano, domenica 31 maggio, alle ore 21, con una serata ad ingresso gratuito il Comune di Lucca, assessorato all’istruzione, insieme all’Atelier Culturale Ermione, con il Coro lirico toscano diretto dal maestro Pieruccini, celebrerà con poesia, musica e memorie il “Risorgimento”.
“Un secolo e mezzo ci divide da fatti storici che hanno segnato profondamente la nostra cultura – sottolinea Donatella Buonriposi, assessore all’istruzione del Comune di Lucca – vogliamo riportare in vita quel periodo, che sembrano tanto lontano, ma che, grazie al sacrificio di tanti ha gettato le basi del moderno stato nazionale e, soprattutto della nostra identità come paese e nazione. Offriamo alla città uno spettacolo che ha il pregio di rendere la storia vicina a noi, viva e pulsante, perché in quell’epoca c’è stato un fermento che ha percorso musicisti come Verdi, poeti e pensatori come Bettino Ricasoli, di cui ricorderemo la figura”.
I testi poetici saranno recitati da Iolanda Sarzi dell’Atelier Culturale Ermione le musiche di Verdi saranno eseguite dal Coro Lirico Toscano diretto dal maestro Silvano Pieruccini.
Fra i testi poetici saranno recitate fra le altre il “Marzo 1821”, il giuramento della Giovane Italia, l’”Ode a Venezia” e “I Sepolcri”.

Redazione Nove da Firenze