Vaiano: i Vigili Urbani sequestrano due ditte cinesi e un capannone adibito a dormitorio


Vaiano- Prosegue l’azione della Polizia Municipale, oggi Corpo Unico della Val di Bisenzio, che facendo seguito ad un esposto di cittadini, ha effettuato nei giorni scorsi un’operazione di controllo del territorio, su delega dell'Autorità Giudiziaria, insieme a personale della locale stazione dei Carabinieri di Vaiano e personale dell’Inps. Stamani si è svolta la conferenza stampa in cui è stato presentato il bilancio di queste operazioni da parte del Comandante del Corpo Unico di Polizia Municipale Elisabetta Gualtieri e del vicesindaco di Vaiano Primo Bosi. I controlli hanno riguardato due ditte di confezioni tessili, un tomaificio e un capannone adibito ad abitazione, tutte strutture situate in località La Briglia, da cui sono emerse una serie di irregolarità che hanno portato al sequestro di due delle tre ditte controllate oltre al capannone diventato un vero e proprio dormitorio. I Vigili Urbani hanno riscontrato reati per aver adibito ad uso abitativo locali artigianali, sulle norme edilizie perché erano stati realizzati vani adibiti a dormitorio e cucine (n. 10 camere e n. 2 cucine), reati che hanno comportato il sequestro dei due immobili. Poi ci sono state violazione dell’igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro e per azionamento di macchinari senza la prescritta autorizzazione che ha comportato il sequestro di 33 macchinari. Nelle due ditte messe sotto sequestro sono stati inoltre accertati impianti elettrici precari e condizioni igieniche fatiscenti, in particolare per i vani ad uso abitativo, sia per la mancanza di aerazione, sia per essere spazi insufficienti per contenere i posti letto presenti, sia per la sporcizia presente. Pertanto è stata inoltrata richiesta di verifica all'ASL, sia per le condizioni di agibilità-abitabilità degli immobili, che per la sicurezza sui luoghi di lavoro. Le operazioni di identificazione di sette cinesi clandestini, tre minori e gli accertamenti relativi alla norme sulla immigrazione clandestina e sullo sfruttamento dei lavoratori, sono state eseguite dalla locale stazione Carabinieri, che hanno provveduto all'arresto del titolare e del coniuge di una ditta per sfruttamento di manodopera clandestina.
“ Non c’è spazio per l’irregolarità – ha sottolineato il vicesindaco di Vaiano Primo Bosi – e questa operazione, concertata fra le forze dell’ordine, è l’ultima di una serie che negli anni passati ha consentito periodicamente un controllo ricorrente di situazioni di insediamenti produttivi sul nostro territorio all’insegna della precarietà delle condizioni spesso al di fuori di ogni regola ed è forte il nostro impegno al fine di far emergere eventuali ulteriori irregolarità e contribuire al miglioramento della sicurezza sia effettiva che percettiva”.
“Voglio ringraziare i cittadini della loro collaborazione – ha aggiunto il Comandante Elisabetta Gualtieri - perché il loro aiuto è stato fondamentale per garantire la sicurezza sul territorio ed individuare queste sacche di illegalità. Voglio poi ricordare che il Corpo Unico di Polizia Municipale è sempre pronto ad aiutare i cittadini in ogni loro esigenza. E’ a conclusione un corso di recupero punti della patente: il settimo da quando è stata varata quest’iniziativa assai apprezzata ed è già iniziato presso la Scuola Media di Vaiano il corso riservato alle terze classi per il conseguimento del patentino”. Tra le altre iniziative del Vigili Urbani vogliamo ricordare il corso di educazione stradale rivolto agli alunni delle scuole elementari e materna (circa 120 alunni scuole elementari e 50 scuole materne), che inizia domani e si concluderà a maggio. A fine corsi è prevista una esercitazione pratica su un percorso appositamente predisposto con giochi di educazione stradale.

Redazione Nove da Firenze