Museo del Tessuto di Prato: un concorso internazionale rivolto a giovani designer


Prato, 23 febbraio 2009- Conoscere i segreti del processo produttivo manifatturiero affinché si possano tradurre "vitalità" creativa, ispirazione, talento, in abiti e accessori anticipando le tendenze.
E' l'obiettivo con il quale la Fondazione Museo del Tessuto di Prato, in collaborazione con Cariprato e la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, lancia il nuovo concorso Play Trend che offrirà ad otto giovani designer europei la possibilità di vivere un'esperienza di approfondimento e ricerca in collaborazione con alcune aziende pratesi.
Nell'Anno Europeo della Creatività e dell'Innovazione, il distretto T&A di Prato - attraverso il Museo del Tessuto che ne rappresenta e promuove l'identità culturale - ha deciso di investire sul potenziale innovativo delle nuove leve del design di moda, riconoscendo nella freschezza delle loro ispirazioni un'importante risorsa con cui affrontare le prossime evoluzioni di un settore fondamentale del sistema moda italiano. "Con questa iniziativa - spiega il Presidente della Fondazione del Museo del Tessuto di Prato Andrea Cavicchi - vogliamo porre al centro dell'attenzione il tessuto e il processo produttivo che lo caratterizza, promuovendo il distretto tessile e abbigliamento di Prato e le aziende che vi operano come luogo d'eccellenza del made in italy". Da qui la nostra decisione di poter offrire ai giovani un'occasione concreta per approfondire la conoscenza dei materiali e delle tecniche che ne definiscono l'eccellenza, in un ottica di scambio interculturale".
Main sponsor di PLAY TREND è PATRIZIA PEPE FIRENZE, affermato brand italiano del fashion system di caratura internazionale, che si riconosce nello spirito d'innovazione e ricerca alla base del concorso e crede nella creatività dei giovani come importante linfa vitale per le aziende del settore.
Il progetto si avvale come sponsor finanziario della CARIPRATO, banca da sempre interessata alla valorizzazione del tessuto sociale e culturale della città di Prato e partner di progetti legati alla cultura d'impresa del distretto.
Rispetto alle altre manifestazioni a livello europeo, il punto di forza e di novità dell'iniziativa consiste nel FASHION HUB, una "residenza creativa" di una settimana all'interno del distretto di Prato, che si svolgerà nel mese di luglio e che rappresenterà l'occasione di confronto, di approfondimento e scambio tra l'entusiasmo dei giovani designer e l'esperienza delle aziende coinvolte nel progetto.
Il concorso si struttura in tre fasi distinte prendendo il via dalla realizzazione di un progetto grafico per un completo femminile in tre pezzi corredato da accessori ispirato al tema ufficiale di questa prima edizione di PLAY TREND. Sulla base dei progetti grafici inviati dagli iscritti al concorso una Commissione tecnica effettua una selezione di otto candidati che partecipa al FASHION HUB entrando in contatto con le aziende attraverso workshop, visite, sessioni di studio ed incontri con gli uffici stile delle aziende. Scelti i tessuti con cui realizzare le loro creazioni, i candidati torneranno nei loro paesi di origine per realizzare i capi finiti da sottoporre al giudizio finale di una Giuria che, a dicembre, designerà il vincitore di PLAY TREND. I progetti dovranno essere realizzati traendo ispirazione dal tema "Bauhaus reloaded", una proposta di rilettura, in chiave contemporanea, del celebre movimento artistico fondato nel 1919 da Walter Gropius che, mosso dall'intento di promuovere le arti applicate, sollecitò una nuova modalità di collaborazione tra artisti ed artigiani con l'obbiettivo di sperimentare e sviluppare una progettualità tutta moderna e applicabile alla produzione industriale. Nel 2009 ricorre il novantesimo anno dalla nascita del celebre movimento (1919), che verrà celebrato in un'importante rassegna di mostre ed eventi organizzati in Europa e a New York (MoMa). Il concorso - a partecipazione gratuita con scadenza di iscrizione online il 30 aprile 2009 - è rivolto a giovani creativi (18-33 anni) del settore design / moda residenti nella comunità europea, ancora impegnati nel percorso di studio o già professionalmente attivi.

Redazione Nove da Firenze