Regione Toscana: on line un’infrastruttura per l’erogazione di servizi di pagamento


Milano, 2 febbraio- TAS, leader nelle soluzioni software e servizi per la monetica, i sistemi di pagamento e i mercati finanziari, si è aggiudicata la gara indetta dalla Regione Toscana per la fornitura di un’infrastruttura per l’erogazione di servizi di pagamento.
La soluzione permetterà ai cittadini e alle imprese il pagamento di circa 80 tra tariffe e tributi per i servizi pubblici tra i quali tasse comunali (p.e., ICI), servizi scolastici (p.e., scuola materna, trasporto alunni, mensa scolastica), multe, ticket sanitari. Gli utenti potranno inoltre consultare i dati sulla propria posizione debitoria nei confronti dell’amministrazione pubblica. L’accesso al servizio potrà avvenire attraverso sportelli bancomat (ATM), internet, digitale terrestre. L’infrastruttura sviluppata da TAS consentirà inoltre alle Amministrazioni Pubbliche interessate (Comuni, Province, Regione) l’aggiornamento progressivo delle posizioni dei contribuenti. L’obiettivo della Regione Toscana è semplificare il rapporto dei cittadini con l’Amministrazione Pubblica attraverso un unico punto per avere informazioni sulla propria posizione ed effettuare i pagamenti in modo sicuro e limitando i costi. Grazie alla realizzazione di economie di scala con il mondo bancario sarà infatti possibile ridurre le spese per le transazioni effettuate. Il progetto pilota consentirà l’entrata in funzione dell’infrastruttura entro il 2009, l’entrata a regime è prevista dal 2010. Il contratto di fornitura e assistenza ha una durata di otto anni e un valore per TAS di circa 14 milioni di euro. “Le soluzioni tecnologiche sperimentate con successo nella gestione delle imprese private e in particolare nelle banche possono essere oggi adottate dall’amministrazione pubblica semplificando i processi operativi, garantendo ai cittadini un servizio più efficiente e riducendo i costi”, ha dichiarato Giuseppe Caruso, amministratore delegato di TAS. “Riteniamo che il rinnovamento dell’amministrazione pubblica, che pone il cittadino al centro dei suoi processi, sia un’interessante chiave per lo sviluppo delle imprese, come TAS, che operano nelle tecnologie informatiche avanzate”.

Redazione Nove da Firenze